(ITALIAN) PRIMA ASSOLUTA DELL’OPERA MULTIKULTI “TULLA E LEANDRO” ALLA RICERCA DELLE RADICI

IN ORIGINAL LANGUAGES, 12 Apr 2010

Silvia Berruto, giornalista contro il razzismo – TRANSCEND Media Service

“Tulla e Leandro” Prima assoluta – Auditorium Aymavilles (Aosta)

9 aprile 2010

E’ andata in scena ieri sera l’opera “Tulla e Leandro alla ricerca delle radici”
Un successo annunciato
Italy – Valle d’Aosta – Auditorium di Aymavilles – Aosta

Tamburi à gogo per l’intro dell’opera e insieme per l’entrée del pubblico a cura e per l’energia dei Fanfakids dal centro giovanile fiammingo Centrum West di Bruxelles.
Sfida e scommessa vinte.
L’opera è stata allestita in soli tre giorni in Italia, ad Aosta, ed è il prodotto e l’esito felice di uno studio a distanza e di uno scambio interculturale davvero riuscito fra Belgio e Italia.
L’opera è in sintesi una favola in tre lingue più una: la musica.
La favola è stata narrata da una settantina di musicisti e cantanti di tutte le età: dai 9 ai 47 anni, professionisti e studenti uniti dalla e nella musica.
Un prodotto interculturale e multiculturale dunque.
Multikulti.
In una visione culturale in cui non si parla più di integrazione ma di pari opportunità, di empowerment e di diritti uguali per tutti.
Protagonisti di questa operazione culturale e di questa lezione di un mondo diverso possibile, e già esistente, e di una convivenza reale al di là di ogni separazione costruita, sono stati: i Fanfakids, 13 giovani percussionisti belgi di varia origine (Marocco, Guinea, Tunisia,Togo, Pakistan), il coro di voci bianche della Fondazione Istituto Musicale della Valle d’Aosta Canto Leggero composto da quaranta di giovani cantanti, SFOMensembles classi strumentali della SFOM (Scuola di Formazione e Orientamento Musicale).
Gli ensembles strumentali sono stati, in ordine di apparizione: quartetto d’archi tastiere e tamburello, quartetto di chitarre, quartetto di fiati, quartetto di clarinetti e trio/quartetto di percussioni sudamericane, bodhrum.
Gli ensembles, tutti formati da ragazzi, giovani musiciste e musicisti, hanno anche recitato il testo, solitamente affidato ad attori.
Da un’idea di Marco Giovinazzo, per la sceneggiatura di Paola Corti, per la musica
composta appositamente e concertata per valorizzare tutti gli ensembles di Paolo Torrente e dalla sempre mirabile e impeccabile direzione di Luigina Stevenin.
E’ stato un successo collettivo annunciato la prima di “Tulla e Leandro” andata in scena ieri sera nell’Auditorium di Aymavilles (Aosta) nell’ambito della settima rassegna CAMBIOMUSICA: zapping tra musiche, persone, mondi.
Per il soggetto: Paola Corti
testo: Francesca Di Cesare
traduzioni: Christel Lambot
regia: Paola Corti, Marco Giovinazzo
luci: Alberto Bich
musiche e arrangiamenti: Pator, Gilbert Impérial, Mauro Gino, Marco Giovinazzo
direttore del coro: Luigina Stevenin
referente Fanfakids: Alessandra Esposito
responsabili SFOMensembles e aiuto registi: Stefano Blanc, Frédéric Bonnin, Mauro Gino, Gilbert Impérial, Paolo Torrente, Rémy Vayr-Piova
“Centrum West c’est un centre des jeunes à Bruxelles qui existe depuis 45 ans (1964, ndr) avant que j’étais né. Mais depuis les années nonante plus au moins c’est devenu un centre des jeunes surtout pour des enfants et des jeunes défavorisés ou en difficulté. La Maison de Jeunes se trouve dans un quartier défavorisé: ça veut dire qu’il y a beaucoup de chômage, de criminalité, les écoles ne sont pas tellement bien, les maisons ne sont pas tellement bien …
On a des groupes d’âge et de langue.
On utilise la musique en fait comme moyen de faire autre chose: de se rencontrer mais aussi de retourner la responsabilité, la solidarité entre des pays en Europe et en Afrique.
Une façon de faire rencontrer des jeunes autour d’un même intérêt commun” a affirmé Bart Nagels animateur du Centrum West.
“Quello che a me interessa è far capire, qua in Italia, che un’immigrazione positiva è possibile e che la realtà è più complessa di quanto appaia.
L’immigrazione positiva è realtà già altrove, non molto lontano da qui.
Speriamo che questo messaggio venga recepito e imitato!” sostiene Alessandra Esposito, volontaria europea che ha scelto i Fanfakids e ha scelto di lavorare con loro e per loro.
Quando la musica unisce…

Imperdibile

________________________

GO TO ORIGINAL – LIBEROSTILE


Tags: , , ,

 

Share this article:


DISCLAIMER: In accordance with title 17 U.S.C. section 107, this material is distributed without profit to those who have expressed a prior interest in receiving the included information for research and educational purposes. TMS has no affiliation whatsoever with the originator of this article nor is TMS endorsed or sponsored by the originator. “GO TO ORIGINAL” links are provided as a convenience to our readers and allow for verification of authenticity. However, as originating pages are often updated by their originating host sites, the versions posted may not match the versions our readers view when clicking the “GO TO ORIGINAL” links. This site contains copyrighted material the use of which has not always been specifically authorized by the copyright owner. We are making such material available in our efforts to advance understanding of environmental, political, human rights, economic, democracy, scientific, and social justice issues, etc. We believe this constitutes a ‘fair use’ of any such copyrighted material as provided for in section 107 of the US Copyright Law. In accordance with Title 17 U.S.C. Section 107, the material on this site is distributed without profit to those who have expressed a prior interest in receiving the included information for research and educational purposes. For more information go to: http://www.law.cornell.edu/uscode/17/107.shtml. If you wish to use copyrighted material from this site for purposes of your own that go beyond ‘fair use’, you must obtain permission from the copyright owner.


Comments are closed.