(Italian) Prima Che Sia Troppo Tardi…

ORIGINAL LANGUAGES, 30 Aug 2010

Prof. Nanni Salio – TRANSCEND Media Service

Riflettendo amaramente sui tragici eventi della seconda guerra mondiale, Martin Niemöller (Lippstadt, 14 gennaio 1892Wiesbaden, 6 marzo 1984) scrisse un testo poetico di grande amarezza che ancora oggi dovrebbe servirci per guidare i nostri pensieri e le nostre azioni di fronte all’arroganza, alla follia e alla mancanza di dignità che in questi tempi caratterizzano gran parte degli uomini politici, dell’industria e della finanza ovunque nel mondo: forti coi deboli, deboli coi forti.

Prima di tutto vennero a prendere gli zingari
e fui contento, perché rubacchiavano.

Poi vennero a prendere gli ebrei
e stetti zitto, perché mi stavano antipatici.

Poi vennero a prendere gli omosessuali,
e fui sollevato, perché mi erano fastidiosi.

Poi vennero a prendere i comunisti,
ed io non dissi niente, perché non ero comunista.

Un giorno vennero a prendere me,
e non c’era rimasto nessuno a protestare.

Oggi la storia si ripete:

Prima di tutto vennero Veltroni, Sarkozy e Maroni

a cacciare donne, bambini e uomini Rom

e non abbiamo detto niente perché non eravamo Rom

Poi vennero Bossi, Fini e Maroni

a cacciare marocchini, afghani, etiopi,

nigeriani e senegalesi

e non abbiamo detto niente perché non eravamo marocchini,

afghani, etiopi, nigeriani e senegalesi

Poi non vennero a cacciare i potenti della

P2 e della P3, i mafiosi, gli speculatori e i corrotti

e non abbiamo detto niente

perché dormivamo davanti alla TV

Poi vennero la Gelmini e Tremonti,

a cacciare insegnanti e studenti

e non abbiamo detto niente perché

non eravamo insegnanti o studenti

Poi vennero Marchionne e la Confindustria,

a cacciare gli operai,

a violare i loro elementari diritti,

e non abbiamo detto niente perché non eravamo operai

Poi vennero gli speculatori finanziari,

a rubare a man bassa,

ad affamare immense moltitudini,

e non abbiamo detto niente

perché avevamo da mangiare

Un giorno non lontano verranno a cacciare e

affamare anche noi

e non sarà rimasto nessuno a protestare

________________________

Prof. Nanni Salio è membro della rete TRANSCEND per la Pace, Sviluppo e Ambiente.

GO TO ORIGINAL – CENTRO STUDI SERENO REGIS

 

Share this article:


DISCLAIMER: The statements, views and opinions expressed in pieces republished here are solely those of the authors and do not necessarily represent those of TMS. In accordance with title 17 U.S.C. section 107, this material is distributed without profit to those who have expressed a prior interest in receiving the included information for research and educational purposes. TMS has no affiliation whatsoever with the originator of this article nor is TMS endorsed or sponsored by the originator. “GO TO ORIGINAL” links are provided as a convenience to our readers and allow for verification of authenticity. However, as originating pages are often updated by their originating host sites, the versions posted may not match the versions our readers view when clicking the “GO TO ORIGINAL” links. This site contains copyrighted material the use of which has not always been specifically authorized by the copyright owner. We are making such material available in our efforts to advance understanding of environmental, political, human rights, economic, democracy, scientific, and social justice issues, etc. We believe this constitutes a ‘fair use’ of any such copyrighted material as provided for in section 107 of the US Copyright Law. In accordance with Title 17 U.S.C. Section 107, the material on this site is distributed without profit to those who have expressed a prior interest in receiving the included information for research and educational purposes. For more information go to: http://www.law.cornell.edu/uscode/17/107.shtml. If you wish to use copyrighted material from this site for purposes of your own that go beyond ‘fair use’, you must obtain permission from the copyright owner.


Comments are closed.