(Italiano) Mattatoio Gaza

ORIGINAL LANGUAGES, 4 Mar 2024

Miki Lanza | Centro Studi Sereno Regis - TRANSCEND Media Service

29.02.2024

Oltre 100 uccisi e 700 feriti nel campo di sterminio di Gaza-sud, in una fila di disperati in attesa (quanto spesso frustrata) di rimandare la morte per sfinimento (fame, sete, freddo, ferite, malanni antichi e nuovi): fila composta ma intollerabilmente vicina a corazzati IDF e dunque minacciosa! Altra mossa spudorata dei terroristi di stato israeliani nel dispiegarsi sapiente e rigoroso della Soluzione Finale sion-nazista, di fronte a un Occidente in coma pre-elettorale para/pre-bellico.

Con popoli storditi da conquiste sempre più evanescenti, consumi sempre più insufficienti e problemi insospettati o antichi sempre più assillanti, distratti comunque sulla questione mediorientale; inizialmente da auto-anestesia postbellica e post-shoah, poi da una situazione sì sghemba e insostenibile, ma provvisoriamente gestita con sicurezza dall’unica democrazia locale; in seguito gestita dall’avvio di una soluzione concertata (Oslo), presunta efficace nonostante il tempestivo assassinio di un contraente (Rabin) dalla propria stessa parte, tutt’altro che affranta dall’occasione storica persa e ingolosita dall’occasione afferrabile per una farneticante aspirazione nazional-colonialista di sionisti degenerati: il Grande Israele biblico (!?), che avrebbe anche appianato quella grinza storica nei proclami istitutivi dello stato – «un popolo senza terra per una terra senza popolo».

Popoli quindi sbigottiti, increduli per l’irriconoscibile ribadita virtuosità difensiva degli stragisti. E governi inerti salvo che negli ormai ricorrenti soprassalti bellicisti, imbozzolati nelle autocelebrative affinità assertive della propria superiorità etica, economica, (doverosamente) militare – di «civiltà», appunto.

Governi quindi più o meno copertamente seccati da certe durezze di un’azione «difensiva» peraltro inevitabile.

Governi apparentemente estranei, o affranti, dalla sola ipotesi di una intimazione furente allo zelante alleato – per tacere di minacce o, Dio non voglia, sanzioni – non certo come alla Russia o all’Iran – né un sapiente complotto per cambio di regime (sia pure con misure contro gli inadeguati sostituendi non più afflittive che una garbata serie di TSO…), ma tipo «avrai la tua terra promessa (peraltro non molto più di quella già spadroneggiata con garrota da 56 anni), ma in modo più concordato se vuoi coltivare al meglio altri interessi con me». Nulla, o forse un burbero raschiamento di gola (neppur corale)? Promettente!

Non potendo contare sui mitici valori occidentali in attesa di una probabile ma lontana Norimberga e/o di una certa germinazione ad arma biologica dell’odio seminato, possiamo sperare almeno in un momento di lucido seppur effimero distacco da questa supina, avvilente, autolesionistica complicità con la distruttività paranoica di quel paradossale stato-canaglia.

Uno Stato avantieri erede di vittime di genocidio;

ieri strangolatore guantato di occupati importuni;

oggi carnefice alla PolPot;

domani pariah fra i nauseati superstiti dell’eruzione mondiale di hybris cui sta contribuendo così forsennatamente;

e scarto della stessa apprezzabile cultura ebraica così sconsideratamente appropriata, snaturata e dilapidata?

Visualizza questo post su Instagram: Un post condiviso da Torino per Gaza (@torino.per.gaza)

Go to Original – serenoregis.org


Tags: , , ,

Share this article:


DISCLAIMER: The statements, views and opinions expressed in pieces republished here are solely those of the authors and do not necessarily represent those of TMS. In accordance with title 17 U.S.C. section 107, this material is distributed without profit to those who have expressed a prior interest in receiving the included information for research and educational purposes. TMS has no affiliation whatsoever with the originator of this article nor is TMS endorsed or sponsored by the originator. “GO TO ORIGINAL” links are provided as a convenience to our readers and allow for verification of authenticity. However, as originating pages are often updated by their originating host sites, the versions posted may not match the versions our readers view when clicking the “GO TO ORIGINAL” links. This site contains copyrighted material the use of which has not always been specifically authorized by the copyright owner. We are making such material available in our efforts to advance understanding of environmental, political, human rights, economic, democracy, scientific, and social justice issues, etc. We believe this constitutes a ‘fair use’ of any such copyrighted material as provided for in section 107 of the US Copyright Law. In accordance with Title 17 U.S.C. Section 107, the material on this site is distributed without profit to those who have expressed a prior interest in receiving the included information for research and educational purposes. For more information go to: http://www.law.cornell.edu/uscode/17/107.shtml. If you wish to use copyrighted material from this site for purposes of your own that go beyond ‘fair use’, you must obtain permission from the copyright owner.

There are no comments so far.

Join the discussion!

We welcome debate and dissent, but personal — ad hominem — attacks (on authors, other users or any individual), abuse and defamatory language will not be tolerated. Nor will we tolerate attempts to deliberately disrupt discussions. We aim to maintain an inviting space to focus on intelligent interactions and debates.

4 × 3 =

Note: we try to save your comment in your browser when there are technical problems. Still, for long comments we recommend that you copy them somewhere else as a backup before you submit them.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.