(Italian) “Lačò Drom” Cena

ORIGINAL LANGUAGES, 15 Nov 2010

Silvia Berruto – TRANSCEND Media Service

È morta “Cena” Huseinović

sopravvissuta alla deportazione nel campo di sterminio di Jasenovac

All’ospedale San Giovanni Bosco di Torino stanotte si è spenta Cena Huseinović, una delle ultime testimoni Rom sopravvissute alle deportazioni nei campi di sterminio.

Cena ha atteso gli ultimi attimi della sua vita per raccontare gli orrori patiti durante la seconda guerra mondiale nel più grande campo di sterminio dei balcani, a Jasenovac, nella Croazia a quel tempo governata dagli “ustascia” alleati delle forze nazi-fasciste. Lo ha fatto a gennaio, nell’ultima Giornata della Memoria celebrata a Torino dalle donne di Idea Rom, ricordando il “Porrajmos”, la shoah dei Rom, da lei vissuto in prima persona.

Cena quel giorno era visibilmente commossa ma, al tempo stesso, convinta e determinata nel “donare” la sua testimonianza alle giovani Rom, quasi a passar loro il compito di ricordare nel tempo cosa tutta l’umanità dovrebbe evitare di ripetere.

Cena aveva 12 anni quando, nel 1942 a Višegrad (Bosnia centrale), venne catturata assieme ai suoi parenti e caricata in un treno che la portò prima a Sarajevo e poi a Jasenovac. In quel campo i deportati erano costretti a lavorare nella produzione di mattoni e catene e, quando gli sforzi e la fame li indebolivano, venivano uccisi e gettati ancora moribondi nel fiume Sava. Cena in quel fiume ritrovò anche il cadavere della madre, con i seni mutilati ed i pesci che ne divoravano le carni. Le donne venivano violentate, gli uomini crocifissi sugli steccati, a chi tentava di fuggire venivano tagliati i piedi. Quasi tutta la famiglia di Cena venne sterminata, lei sopravvisse assieme alle sorelle e ai fratelli più piccoli grazie all’aiuto di un loro ex vicino di casa amico di Latif, il promesso sposo di Cena, a quei tempi “il più bravo artigiano fra i Rom calderai”.

Ma la memoria del Porrajmos a Jasenovac è quasi scomparsa, con i documenti irrimediabilmente distrutti pochi giorni prima della liberazione e gli edifici spianati dagli ustascia prima della fuga. Secondo gli storici in Croazia furono uccisi 600 mila tra ebrei, rom, serbi, mussulmani e partigiani, quasi tutti nel campo di Jasenovac. I cadaveri venivano seppelliti in fosse comuni sulle rive della Sava ma per anni, durante le esondazioni, i corpi dei cadaveri riaffioravano e venivano trascinati dalle acque.

A Jasenovac, come in altre parti del mondo, nessun monumento ricorda lo sterminio dei Rom.

“Lačò Drom” Cena, buon viaggio nella lingua dei Rom.

Torino, 5 novembre 2010

Con l’impegno di continuare a ricordare

Silvia Berruto, giornalista contro il razzismo e forse un giorno gagì engagée

Go to Original – silviaberruto.com

 

Share this article:


DISCLAIMER: The statements, views and opinions expressed in pieces republished here are solely those of the authors and do not necessarily represent those of TMS. In accordance with title 17 U.S.C. section 107, this material is distributed without profit to those who have expressed a prior interest in receiving the included information for research and educational purposes. TMS has no affiliation whatsoever with the originator of this article nor is TMS endorsed or sponsored by the originator. “GO TO ORIGINAL” links are provided as a convenience to our readers and allow for verification of authenticity. However, as originating pages are often updated by their originating host sites, the versions posted may not match the versions our readers view when clicking the “GO TO ORIGINAL” links. This site contains copyrighted material the use of which has not always been specifically authorized by the copyright owner. We are making such material available in our efforts to advance understanding of environmental, political, human rights, economic, democracy, scientific, and social justice issues, etc. We believe this constitutes a ‘fair use’ of any such copyrighted material as provided for in section 107 of the US Copyright Law. In accordance with Title 17 U.S.C. Section 107, the material on this site is distributed without profit to those who have expressed a prior interest in receiving the included information for research and educational purposes. For more information go to: http://www.law.cornell.edu/uscode/17/107.shtml. If you wish to use copyrighted material from this site for purposes of your own that go beyond ‘fair use’, you must obtain permission from the copyright owner.


Comments are closed.