(Italian) Mohamed, per tutti “Mimmo” è stato espulso. Deportato in Egitto

ORIGINAL LANGUAGES, 29 Nov 2010

Silvia Berruto – TRANSCEND Media Service

Giovedì 18 novembre 2010, alle ore 14,30 l’aereo che riporta Mohamed al Cairo è decollato da Malpensa.

Oltre ai 9 migranti deportati martedì 16 novembre, giovedì con Mimmo c’era un altro fratello.

“L’aereo sta partendo … davanti a me” – dice sconsolato Leòn – “l’aereo è in movimento …”

Arun, Jimi, Rachid e Sajat erano scesi dalla gru di Brescia solo tre giorni prima, lunedì 15 novembre, alle venti e cinquanta.

Dopo diciassette giorni di resistenza civile nonviolenta per alcuni dei 9 resistenti saliti il 30 ottobre sulla gru del presidio di Via San Faustino in Piazzale Cesare Battisti nel quartiere  multietnico del Carmine a Brescia.

La lotta dei migranti per il permesso di soggiorno continua.

Tenuto in isolamento nel CIE di via Corelli, a Milano, da lunedì a giovedì sino al momento della partenza, Mohamed ha pagato il prezzo di essere uno dei leader della lotta per i diritti di tutti i migranti e per la sanatoria.

Era stato fermato lunedì, a Milano, mentre cercava di evitare l’espulsione dei nove fratelli deportati il 16 novembre scorso.

Mohamed è riuscito a mettersi in contatto col suo avvocato poco prima del decollo, quando già era in aeroporto: Terminal 1, imbarco asl, gate B01.

Impossibile per il legale, Sergio Pezzucchi, recapitare a Mohamed documenti ed effetti personali.

Per mercoledì 17 novembre avevo preparato un report sulla fine della protesta sulla gru ed eravamo pronti per la registrazione di un contributo per una radio lombarda quando, nel primo pomeriggio, considerata la situazione in “certa” evoluzione, ho deciso di rinviare la diffusione del mio contributo-analisi che, a tutt’oggi, ancora non abbiamo diffuso via etere.

Purtroppo ho avuto ragione. Del resto non bisogna essere degli esperti internazionali.

Pezzucchi ha affermato: “Un’esecuzione così rapida di un provvedimento non si è mai vista. Significa che tutto era già programmato sin dal suo fermo.”

Le azioni legali immediate verteranno sul portare avanti i ricorsi. Il ricorso fondamentale dovrebbe essere quello relativo al rigetto della domanda di sanatoria di Mohamed affinché venga annullato e perché Mohamed possa tornare in Italia per completare la sua procedura di regolarizzazione.

“L’aereo sta decollando in questo momento…noi lo stiamo guardando dalle vetrate dell’aeroporto … ” dice Sergio Pezzucchi.

Gli aggiornamenti della serata di venerdì 19 novembre, secondo fonti accreditate e il report permanente, e puntuale, di Radio Onda d’Urto di Brescia, segnalavano che Mohamed-Mimmo si trovava ancora in aeroporto perché le autorità italiane lo avrebbero espulso senza ridargli il passaporto.

Si ascolti con fratellanza, compassione – nell’accezione più esclusivamente laica e greca – e onestà intellettuale, la voce di Mimmo. Dal Cairo, accompagnato ancora da chi, come Radio Onda d’Urto, ottempera alla parola data: non lasciare MAI SOLI i resistenti.

Notizia del 22 novembre scorso.

Tutti i giorni il presidio si ricompone, sempre in Via Faustino, a Brescia, dalle 17,30 in poi , poco distante dalla gru: per discutere e per continuare la lotta.

E’ in atto una campagna straordinaria di sottoscrizione per garantire il supporto legale per tutte le persone arrestate durante la protesta civile nonviolenta e per i ricorsi di tutti coloro che sono stati rinchiusi nei Cie e poi deportati.

Per le sottoscrizioni consultare la notizia su Radio Onda d’Urto del 22 novembre

Questa sera alle 20.00, proprio mentre sto chiudendo quest’ultimo aggiornamento, c’è grande attesa al presidio per Alex Zanotelli.

Resta

oltre al gran ” da fare” che bisogna fare

e al più presto

l’impossibilità a dirsi

per molte e molti di noi

cittadine e cittadini italiani

Ho pianto

Per l’impotenza, nel dolore e nel tentativo di voler essere

anche

giornalista contro il razzismo

silvia berruto

portese – san felice del benaco – 27 novembre 2010

la voce di Mohamed-Mimmo

http://www.radiondadurto.org/blog/2010/11/22/prosegue-la-lotta-per-i-permessi-di-soggiorno-e-per-i-diritti-dei-migranti/

sottoscrizioni

http://www.radiondadurto.org/blog/2010/11/22/campagna-straordinaria-di-sottoscrizione-per-sostenere-la-lotta-per-il-permesso-di-soggiorno/

Go to Original – silviaberruto.com

 

Share this article:


DISCLAIMER: The statements, views and opinions expressed in pieces republished here are solely those of the authors and do not necessarily represent those of TMS. In accordance with title 17 U.S.C. section 107, this material is distributed without profit to those who have expressed a prior interest in receiving the included information for research and educational purposes. TMS has no affiliation whatsoever with the originator of this article nor is TMS endorsed or sponsored by the originator. “GO TO ORIGINAL” links are provided as a convenience to our readers and allow for verification of authenticity. However, as originating pages are often updated by their originating host sites, the versions posted may not match the versions our readers view when clicking the “GO TO ORIGINAL” links. This site contains copyrighted material the use of which has not always been specifically authorized by the copyright owner. We are making such material available in our efforts to advance understanding of environmental, political, human rights, economic, democracy, scientific, and social justice issues, etc. We believe this constitutes a ‘fair use’ of any such copyrighted material as provided for in section 107 of the US Copyright Law. In accordance with Title 17 U.S.C. Section 107, the material on this site is distributed without profit to those who have expressed a prior interest in receiving the included information for research and educational purposes. For more information go to: http://www.law.cornell.edu/uscode/17/107.shtml. If you wish to use copyrighted material from this site for purposes of your own that go beyond ‘fair use’, you must obtain permission from the copyright owner.


Comments are closed.