(Italiano) Spagna 2050 – Dieci Predizioni

ORIGINAL LANGUAGES, 7 Jul 2014

Johan Galtung – TRANSCEND Media Service

Alfaz; Historiegruppen [gruppi storici], Municipio, Spagna

Possiamo conoscere il futuro? Risposta retorica: possiamo conoscere il passato? Riscriviamo continuamente la storia, non perché certi fatti diventino dubbi e appaiano fatti nuovi, ma perché cambia la nostra angolazione, prospettiva. Diciamo, da una serie di re, presidenti ecc., e il loro esercizio del potere militare e politico fino ai mutamenti economici e culturali nella vita della gente comune, nel suo benessere e nell’identità. Mutamenti non da poco.

Arriveremo a quell’unica prospettiva vera, obiettiva?

No, l’obiettività può essere multi-soggettiva, non inter-soggettiva. Ecco perché Al Jazeera è tanto meglio per conoscere il presente che la CNN, che presenta l’angolazione USA, e ove ce ne siano altre un “esperto” USA darà l’interpretazione finale. Al Jazeera presenta molte angolazioni di molte parti e lascia le interpretazioni finali allo spettatore.

Come possiamo gettare un po’ di luce sul futuro? Fondamentalmente ci sono due approcci: quello cartesiano basato su tendenze estensive, e il taoismo basato sull’olismo e la dialettica. Che non si escludono reciprocamente.

Sicché, ci sono tre tendenze mondiali che influenzano certamente la Spagna:

– declino dell’Occidente battuto in concorrenza e il sorgere del Resto [del mondo] in generale, e declino degli USA e sorgere della Cina in particolare;

– declino dello stato eccetto i maggiori – Russia-India-Cina-USA – e sorgere delle macroregioni, di nazioni non-dominanti, di comunità locali;

– anti-ciclicità dell’Islam e del cristianesimo-secolarismo: quando l’uno declina, l’altro sale, giusto ora l’Islam – e viceversa.

Dittatura o democrazia, e quale partito sia al potere, importa poca per tali tendenze globali. Ma importa alla Spagna per il loro impatto.

L’approccio taoista olistico-dialettico si focalizza sulla Spagna come un insieme con contesti, e si chiede: quali sono le maggiori contraddizioni?([i])

Non l’autonomia/indipendenza catalana/basca; la risposta sta nelle tendenze. Ipotesi: le maggiori contraddizioni sono fra democrazia e corruzione, e fra democrazia e perdita di potere dei poderes fácticos (poteri di fatto, o poteri forti, ndt), i proprietari terrieri (con l’aggiunta del mondo degli affari), i militari, il clero.

La democrazia è troppo egalitaria per loro; la corruzione arricchisce i ricchi, intercetta denaro destinato ai poveri, compra politici con fondi per le loro campagne; tutti mantengono le distanze fra classi. La Spagna non è sola in questo movimento post-democratico verso la banco-/tecno-/ corrutto-crazia.

Ma la Spagna, diversamente dalla Francia ma come l’Italia, è uno stato debole al di sopra di nazioni-regioni e comunità locali forti. Il problema base può non essere come democratizzare la Spagna, ma se la Spagna esiste.

Predizione generale: la Spagna risolverà queste contraddizioni base cavalcando le tendenze. Più concretamente, cinque predizioni specifiche:

1. non lo slogan di Franco, España: Una, Grande, Libre ma España: Una Comunidad de Naciones, ossia di Catalogna, Vascondado (Paesi Baschi), Galizia, Andalusia, Baleari, Canarie e Castiglia, le nuove e le vecchie prevarranno;

2. si aggiunga la probabilità che si unisca il Portogallo, a formare l’Iberia peninsulare, un tempo tre provincie dell’Impero Romano;

3. tale comunità di nazioni verrà assorbita nell’Unione Europea, una comunità di paesi (e nazioni), che sopravviverà perché cavalca la tendenza globale, anche col distanziarsi dagli USA;

4. ed ecco il secondo punto forte: la nazione come comunità di comunità locali, governate da ayuntamientos, municipi, mairies – data l’oscillazione secolare della Spagna fra localismo e centralismo;

5. ci sarà una certa islamizzazione, particolarmente in Andalusia, forse un neo-Al Andaluz perché l’islam offre qualcosa di cui l’Occidente ha gran bisogno: lo spirito di solidarietà opposto alla solitudine, la condivisione anziché l’egoismo e la redistribuzione burocratica negli stati assistenziali.

Quattro predizioni specifiche aggiuntive:

Politicamente la contraddizione fra democrazia e corruzione si può trattare meglio a livello di regioni definite da nazioni (anziché le attuali 17 autonomías), e a livello di comunità locali, con una democrazia diretta, locale. La Svizzera, costituita di nazioni e comunità locali, è finora sopravvissuta per oltre 700 anni e può servire da modello, anche per l’Italia; un giorno anche per la Francia giacobina.

Militarmente l’Iberia sarà in mano all’UE; la NATO si dissolverà con la caduta dell’Impero USA. Ma l’UE come si rapporterà alle altre macroregioni? Una certa islamizzazione dell’UE e la secolarizzazione dell’islam potrebbero superare il divario UE-OIC (Organizzazione della Cooperazione Islamica); l’Eurasia potrebbe parimenti superare i divari fra UE, Russia e Cina.

Economicamente il relativo declino dell’Occidente condurrà a più autosufficienza nazionale e locale. Le aziende con divisioni acute fra datori di lavoro e prestatori d’opera declineranno, aumenteranno le cooperative dove tutti sono una cosa e l’altra – e la Spagna ne è un leader mondiale, con Mondragón (situata nella regione basca, è una delle esperienze di economia alternativa, cooperativa, più importanti su scala mondiale, NdT)– così come l’auto-impiego. Le cooperative rurali, urbanizzate, diventeranno un habitat importante, basandosi sulla vendita diretta ai consumatori in vari punti-vendita, e sull’eccellente infrastruttura di trasporto-comunicazione iberica. Ciò sta già arrivando a contrastare la miseria della politica d’austerità, che usa i fondi governativi per tirare fuori dai guai le aziende incompetenti a favore della “crescita”.

L’Iberia coopererà con gli altri tre paesi GIPSI dell’UE: Grecia-Italia-Portogallo-Spagna-Irlanda contro la dominazione tedesca.

Culturalmente i cittadini diventeranno trilingui: lingua della propria nazione, spagnolo e una lingua mondiale, cominciando dall’inglese. Possono anche essere tri-culturali: cristiani, secolari, musulmani. Come per la politica e l’economia ci sarà molta varietà, molta ricerca di nuove sintesi.

Come reagiranno i poderes fácticos? Qualcuno si assocerà, qualcuno emigrerà, qualcuno farà un golpe militare: predizione # 10.

C’è molto in gioco. Il perdente ha un nome, Madrid, quella magnifica città artificiale nel mezzo di nulla; il centro del potere cooperativo politico-economico, di quello militare, della chiesa. È probabile un neo-Franco, 23F([ii]), anzi probabilmente in germe, avvalendosi della linea di faglia castigliano-catalana; più difficoltosa di quella castigliano-basca giacché i baschi stupidamente hanno combattuto con la forza, non con l’economia-politica.

Ma un colpo di stato in controtendenza, che offre solo il passato, emergerà contro tutte le nazioni non-castigliane, mobiliterà le donne contro gli uomini, giovani contro anziani, spossessati contro potenti, poveri contro ricchi. L’ombra pesante della guerra civile del 1936-39 rende fosche le forze; che probabilmente rinunceranno. Si spera prima di cominciare.

E Madrid diverrà una comunità fra le altre; culturale piuttosto che un centro politico-economico-militare. Una Spagna magnifica.

NOTE:

[i] V. Antonio Muñoz Molina in Le Nouvel Observateur del 31.10.2013 sul suo libro Tout ce qu’on croyait solide – Tutto quel che si credeva solido – per una diversa analisi.

[ii] 23 febbraio, il giorno del 1981 quando ci fu un colpo di mano fallito a Madrid contro la democratizzazione.

____________________________

Titolo OriginaleSpain 2050–Ten PredictionsTRANSCEND Media Service

Go to Original – serenoregis.org

 

Share this article:


DISCLAIMER: The statements, views and opinions expressed in pieces republished here are solely those of the authors and do not necessarily represent those of TMS. In accordance with title 17 U.S.C. section 107, this material is distributed without profit to those who have expressed a prior interest in receiving the included information for research and educational purposes. TMS has no affiliation whatsoever with the originator of this article nor is TMS endorsed or sponsored by the originator. “GO TO ORIGINAL” links are provided as a convenience to our readers and allow for verification of authenticity. However, as originating pages are often updated by their originating host sites, the versions posted may not match the versions our readers view when clicking the “GO TO ORIGINAL” links. This site contains copyrighted material the use of which has not always been specifically authorized by the copyright owner. We are making such material available in our efforts to advance understanding of environmental, political, human rights, economic, democracy, scientific, and social justice issues, etc. We believe this constitutes a ‘fair use’ of any such copyrighted material as provided for in section 107 of the US Copyright Law. In accordance with Title 17 U.S.C. Section 107, the material on this site is distributed without profit to those who have expressed a prior interest in receiving the included information for research and educational purposes. For more information go to: http://www.law.cornell.edu/uscode/17/107.shtml. If you wish to use copyrighted material from this site for purposes of your own that go beyond ‘fair use’, you must obtain permission from the copyright owner.


Comments are closed.