(Italiano) 2 ottobre. Giornata internazionale della Nonviolenza

ORIGINAL LANGUAGES, 3 Oct 2016

Silvia Berruto – TRANSCEND Media Service

Oggi le amiche e gli amici, persuasi della Nonviolenza, sono particolarmente coinvolti.

Agire la nonviolenza a partire dall’affrontare, per risolvere, la propria violenza interiore. A partire da sè.

Per giungere ad un punto che altro non sarà che un obiettivo, una tappa, una transizione da cui trans-ire per continuare.

Spesso sembra di dover ricominciare. Sempre quando le armi hanno APPARENTEMENTE la meglio e così è effettivamente per tutte le-gli esseri senzienti uccisi e COLLETTIVA è la responsabilità. NOI dobbiamo ricominciare in ogni istante, e da zero, finché un’arma verrà usata. Dunque costruita, comprata, distribuita coi soldi delle tasse delle donne e degli uomini di tutto il pianeta. Di ognuno di NOI.

Perché, mi domando e domando, nessun sostenitore del SI al referendum costituzionale – salvo errori e, non solo mie, OMISSIONI – ha detto che l’ITALIA potrebbe risparmiare in primis sulle ARMI.

Perché, domando e mi domando, nessun sostenitore del SI dice che ogni cittadina e ogni cittadino potrebbe fare, da chi non arriva alla prima settimana del mese a chi ha pluripensioni e vitalizi, grandi risparmi. Di morti e di vite distrutte persempre, prima che di soldi.

“Un euro al giorno leva la guerra di torno” diceva Nanni (Salio).

Perché nessun sostenitore del SI ha l’onestà intellettuale di segnalare e spiegare tutti i passaggi di modifica dell’ARTICOLO 78 sulla DICHIARAZINE DELLO STATO DI GUERRA ?

Perché non si dice che se passa la nuova s-versione della Costituzione anche su questo articolo deciderà solo LA CAMERA e non più anche i senatori cancellando così la maggioranza assoluta dei componenti.

Perché i deformatori di testi e di articoli non dicono al popolo italiano che nella prima versione era prevista, e sufficiente, la maggioranza semplice dei presenti.

Cito Ernesto Incorvaia e la parte finale del suo messaggio del 20 febbraio 2015:

“I depu­tati paci­fi­sti ave­vano pro­po­sto che la mag­gio­ranza fosse qua­li­fi­cata, almeno dei due terzi. Visto che l’articolo 11 della Costi­tu­zione ci dice che «l’Italia ripu­dia la guerra come stru­mento di offesa», se que­sta deve essere dichia­rata (evi­den­te­mente in casi ecce­zio­nali, estremi e solo per motivi di difesa dei con­fini), allora che sia una deci­sione il più con­di­visa pos­si­bile. I loro emen­da­menti sono stati bocciati.

Per­ché la modi­fica di venerdì notte è gra­vis­sima?Per­ché la riforma costi­tu­zio­nale è affian­cata da una riforma elet­to­rale (l’Italicum) che pre­vede il pre­mio di mag­gio­ranza al par­tito vin­ci­tore delle ele­zioni. Il com­bi­nato dispo­sto delle due riforme dà di fatto ad un par­tito poli­tico (che potrà avere la mag­gio­ranza asso­luta alla Camera anche con una mag­gio­ranza rela­tiva dei voti dell’elettorato) il potere e la respon­sa­bi­lità di dichia­rare lo «stato di guerra».

E come potrebbe avvenire dunque, nella prospettiva di cambiamento e di applicazione del nuovo testo dell’ex articolo 78, la decisione di intervenire in Libia ? Risegnalo il pezzo di Mao Valpiana “Avventura libica: Eia, Eia ! Alalà ! C’era una volta l’articolo 11” dello scorso 12 marzo. (https://silviaberruto.wordpress.com/2016/03/12/avventura-libica-eia-eia-alala-di-mao-valpiana-presidente-nazionale-del-movimento-nonviolento-ricevo-e-volentieri-posto/).

Perché non vogliamo spendere per la vita di tutte e di tutti, piuttosto che per la morte di tutte e di tutti.

Che senso ha oggi essere e fare il medico, soprattutto in zone di guerra, se non quello di dire di NO alla guerra in una disperata e disperante marcia, senza fine,  in salita come è quello di Sisifo ?

Che senso ha essere un giurista e un costituzionalista, non solo in zone di guerra, se non quello di dire, con leggi migliori, che altri modi e mondi sono possibili. E poi darsi da fare per costruirli.

Che senso ha oggi essere un giornalista se non è di GIORNALISMO DI PACE che si deve parlare, scrivere e raccontare.

Col/i COSTRUZIONISMO/I della guerra si dice SI a tutto ciò che distrugge. Quando parlo delle armi agli studenti dichiaro sempre, col groppo in gola, che non ho mai visto un’arma che, sparando, produca VITA …

Perché torturarci, e farci torturare, con acrobazie ed equilibrismi improbabili come le definizioni di GUERRE UMANITARIE?

Perché non volere subito che bambine e bambini, giovani donne e uomini, anziane e anziani di dovunque, siano felici e VIVI a livello planetario?

Con tutti i diritti alla VITA, al cibo, all’uguaglianza, alla salute, allo studio, rispettati.

Questo passaggio culturale e umano è una RIVOLUZIONE possibile e attuabile in una vision e in una prospettiva “PANORAMICA” in cui la Nonviolenza, davvero salvifica, è il varco della storia, come ha insegnato Aldo Capitini.

Per la realizzazione di una ECONOMIA, nonviolenta, applicata e planetaria, buona PER TUTTE E PER TUTTI.

Non solo per qualcuno.

Perché o TUTTI SONO LIBERI o NESSUNO è LIBERO.

Neppure di VIVERE.

Oppure si sia coscienti di vivere a tradimento! Aggiunga ogni lettore i complementi oggetti che ritiene più significativi e rappresentativi.

Allora oggi, ieri e domani, pur nella totale disperazione nei confronti delle armi, con altre e con altri, sto cercando di impegnarmi in ciò che so e che imparo a fare, quotidianamente, per un’utopia concreta:  per UN’ALTRA DIFESA POSSIBILE.

cs_2ottobre_altradifesapossibile

_________________________________

Silvia Berruto, referente per la Valle d’Aosta di UN’ALTRA DIFESA E’ POSSIBILE

Go to Original – silviaberruto.wordpress.com

 

Share this article:


DISCLAIMER: The statements, views and opinions expressed in pieces republished here are solely those of the authors and do not necessarily represent those of TMS. In accordance with title 17 U.S.C. section 107, this material is distributed without profit to those who have expressed a prior interest in receiving the included information for research and educational purposes. TMS has no affiliation whatsoever with the originator of this article nor is TMS endorsed or sponsored by the originator. “GO TO ORIGINAL” links are provided as a convenience to our readers and allow for verification of authenticity. However, as originating pages are often updated by their originating host sites, the versions posted may not match the versions our readers view when clicking the “GO TO ORIGINAL” links. This site contains copyrighted material the use of which has not always been specifically authorized by the copyright owner. We are making such material available in our efforts to advance understanding of environmental, political, human rights, economic, democracy, scientific, and social justice issues, etc. We believe this constitutes a ‘fair use’ of any such copyrighted material as provided for in section 107 of the US Copyright Law. In accordance with Title 17 U.S.C. Section 107, the material on this site is distributed without profit to those who have expressed a prior interest in receiving the included information for research and educational purposes. For more information go to: http://www.law.cornell.edu/uscode/17/107.shtml. If you wish to use copyrighted material from this site for purposes of your own that go beyond ‘fair use’, you must obtain permission from the copyright owner.


Comments are closed.