(Italiano) Per TMS. La sentenza di Piazza della Loggia e il quinquennio 1969-1974 a Collettivamente memoria. Manlio Milani e Silvia Guarneri ad Aosta

IN ORIGINAL LANGUAGES, 20 Nov 2017

Silvia Berruto – TRANSCEND Media Service

Dedicato ai lettori di Transcend Media Service di tutto il mondo e a Transcend Media Service

 Aosta, Aosta Valley, Italy     

All’Espace Populaire di Aosta per la prima volta per il pubblico

A Palazzo regionale di Aosta per la terza volta per gli studenti

Domani, domenica 19 novembre  (ieri per i lettori di TMS) e oggi, lunedì 20 novembre, sempre per i lettori di Transcend Media Service, il progetto culturale “Collettivamente memoria” – tecnicamente anche progetto-intervento – presenta due testimonianze su una vicenda storica che ha riguardato la collettività italiana: la strage di Piazza della Loggia a Brescia avvenuta il 28 maggio 1974.

Alle ore 10,12 del 28 maggio 1974 durante un comizio in piazza della Loggia a Brescia (Lombardia, Italia) una bomba fascista stroncava la vita di 8 persone e ne feriva 102.

Dopo 43 anni di impegno e di lotta, SEMPRE PER LA VERITA’,  il 20 giugno 2017 è giunta la sentenza definitiva che accerta e imputa la matrice della strage all’eversione nera.

Questo era risaputo sin dal 28 maggio 1974. Ma si dovevano trovare le prove, i mandanti e gli esecutori.

Sono stati 43 anni di resistenza, costellati anche da ripetuti depistaggi che non hanno comunque impedito di arrivare a quella che Milani definisce “la giustizia ritrovata”.

Testimoni di questa storia collettiva sono i miei concittadini (io sono nata a Brescia, ndr) Manlio Milani e l’avvocato Silvia Guarneri.

Manlio Milani, presidente dell’associazione Familiari caduti della strage di Piazza della Loggia e presidente della Casa della Memoria di Brescia che nella strage perse la moglie, Livia Bottardi e uno degli avvocati di parte civile dei  parenti delle vittime di Piazza della Loggia, l’avvocato Silvia Guarneri.

Per sei volte Manlio Milani ha incontrato la popolazione valdostana e gli studenti, per due volte con l’avvocato Silvia Guarneri.

Domenica e lunedì ad Aosta per la prima volta dopo la sentenza storica del 20 giugno scorso che ha messo fine alla vicenda giudiziaria, pur non mettendo fine alla storia e alla memoria della strage, Manlio e Silvia testimoniano il loro impegno umano, civile e professionale.

Sto scrivendo uno studio su questa vicenda storica collettiva proprio dal punto di vista della Nonviolenza, aspetto questo mai affrontato sinora dalla saggistica e dalla pubblicistica mainstream.

Questo contributo intende essere un omaggio ai lettori, al portale e alla newsletter internazionale Transcend Media Service sul quale pubblico da anni i miei contributi, a matrice e vision nonviolente.

Rimando all’articolo pubblicato ieri su questo blog: La sentenza di Piazza della Loggia e il quinquennio 1969-1974 a Collettivamente memoria. Manlio Milani e Silvia Guarneri di nuovo ad Aosta

“Collettivamente memoria  2017”
Dedicato a Italo Tibaldi e Ida Desandré deportati politici
e a Anna Dati staffetta partigiana
© Progetto culturale di Silvia Berruto
Giornalisti contro il razzismo
GLOB011 Officina di informazione glocale
ANSI – Associazione nazionale stampa interculturale
Piemondo Onlus
ALMA TEATRO Torino

©  COLLETTIVAMENTE MEMORIA 2017
DECIMA EDIZIONE

Per PIAZZA DELLA LOGGIA (Brescia)

Il progetto culturale “Collettivamente memoria” propone per la sesta volta ad Aosta una riflessione storica, politica, civile e processuale sulla strage del 28 maggio 1974 in Piazza della Loggia a Brescia

Due i testimoni: Manlio Milani  e l’avvocato di parte civile Silvia Guarneri.

Dopo 43 anni di resistenza umana, civile e processuale, “SEMPRE PER LA VERITA’”, dopo 5 istruttorie e 14 processi, il processo in Corte di Cassazione ha confermato, nell’udienza del 20 giugno 2017, l’ergastolo per i due imputati Carlo Maria Maggi e Maurizio Tramonte.

Un milione circa le pagine prodotte dal processo per l’unico processo per strage arrivato a sentenza definitiva in Italia.

[…] Tra le varie forme di terrorismo lo stragismo ha alcune caratteristiche particolari, uniche: genera panico, insicurezza, disordine, magari per richiedere ordine. Non ha bersaglio specifico, non minaccia tanto i singoli ma la società nel suo complesso. Ha risvolti “connettivi”, le vittime sono persone qualsiasi che si trovano nel posto sbagliato nel momento sbagliato: persone con le quali la gente si identifica perché quello che é capitato a loro potrebbe capitare a ciascuno.
Per questo parliamo di “memoria” e di memoria collettiva e per questo le stragi terroristiche diventano memoria collettiva, un evento che riguarda l’intera collettività.

Walter E. Crivellin.
Estratto.
Dal lavoro di Bianca Bardini e di Stefania Noventa: 28 maggio 1974 Strage di Piazza della Loggia. Le risposte della società bresciana, seconda edizione, maggio 2008.

Un caso di resistenza collettiva nonviolenta.
 
_____________________________________________________

Silvia Berruto – giornalista contro il razzismo, antifascista, amica e persuasa della nonviolenza.

 

® Riproduzione riservata

Go to Original – silviaberruto.wordpress.com

 

Share or download this article:


DISCLAIMER: In accordance with title 17 U.S.C. section 107, this material is distributed without profit to those who have expressed a prior interest in receiving the included information for research and educational purposes. TMS has no affiliation whatsoever with the originator of this article nor is TMS endorsed or sponsored by the originator. “GO TO ORIGINAL” links are provided as a convenience to our readers and allow for verification of authenticity. However, as originating pages are often updated by their originating host sites, the versions posted may not match the versions our readers view when clicking the “GO TO ORIGINAL” links. This site contains copyrighted material the use of which has not always been specifically authorized by the copyright owner. We are making such material available in our efforts to advance understanding of environmental, political, human rights, economic, democracy, scientific, and social justice issues, etc. We believe this constitutes a ‘fair use’ of any such copyrighted material as provided for in section 107 of the US Copyright Law. In accordance with Title 17 U.S.C. Section 107, the material on this site is distributed without profit to those who have expressed a prior interest in receiving the included information for research and educational purposes. For more information go to: http://www.law.cornell.edu/uscode/17/107.shtml. If you wish to use copyrighted material from this site for purposes of your own that go beyond ‘fair use’, you must obtain permission from the copyright owner.


There are no comments so far.

Join the discussion!

We welcome debate and dissent, but personal — ad hominem — attacks (on authors, other users or any individual), abuse and defamatory language will not be tolerated. Nor will we tolerate attempts to deliberately disrupt discussions. We aim to maintain an inviting space to focus on intelligent interactions and debates.

 (please enter the four letters and numbers you see above, no spaces)