(Italiano) Ascolta tua madre: nessuno dovrebbe essere troppo ricco o troppo povero

ORIGINAL LANGUAGES, 18 May 2020

Marilyn Langlois | Centro Studi Sereno Regis – TRANSCEND Media Service

Photo by Evan Clark on Unsplash

13 Maggio 2020 – La saggezza delle nostre madri e delle loro madri si riverbera per il cosmo: “Che cos’è che non capisci in condividi le risorse della terra?  Perché non sfidi la sacralità della proprietà privata là in cima e ti assicuri che nessuno sia troppo ricco o troppo povero?”

Le nostre madri ci hanno portato in grembo e messo alla luce familiarizzandoci con il magico poter di guarigione del tenero contatto umano. Ci hanno immersi in un amore incondizionato, mettendoci in grado di affrontare le molte sfide della vita. Ci hanno insegnato a comunicare con le parole e le azioni, a risolvere conflitti senza infliggere dolori ad altri. Le nostre madri ci hanno insegnato a condividere con i nostri fratelli e sorelle. Beh, forse non tutte le madri sono state in grado di fare tutto ciò, ma hanno fatto del loro meglio. Le perdoniamo e le amiamo ugualmente.

Quando le madri insegnano ai figli di condividere, cominciano col proporre un buon esempio, prendendo per sé non più di quanto concederebbero ad altri e sovente prendendo anzi meno in modo che i loro figli possano essere abbondantemente nutriti. Impartiscono un forte senso d’affetto e d’appartenenza, permettendo di coltivare empatia e solidarietà.

Nel corso della storia umana relativamente recente (parecchie migliaia d’anni o giù di lì) la lezione della condivisione è stata dimenticata innumerevoli volte per una miriade di ragioni che coinvolgono traumi, abusi, e disastri sia naturali sia artificiali. Ne risulta che i giovani in crescita sono esposti a pratiche che inducono avidità, come castigo, umiliazione, far vergognare, giudicare, e gare in cui chi vince si prende tutto, diventate incorporate a scuola, in chiesa, nella vita civica e sul posto di lavoro. Anche madri con le migliori intenzioni spesso cadono in trappola facendo troppo affidamento su bastone-e-carota, trasmettendo il messaggio che buone azioni come la condivisione sono una merce da scambiare anziché intrinsecamente preziosa.

La nostra famiglia umana ha oltre sette miliardi di membri per il globo. Un bel po’ di parenti! Ci lamentiamo spesso delle moltitudini oppresse e troppo povere, senza lavori validi, abitazioni, istruzione, assistenza sanitaria e libertà fondamentali.  Siamo anche consapevoli della piccola ma potente percentuale di persone che possiede beni da decine, centinaia di milioni, addirittura miliardi di dollari, in aggiunta al proprio reddito, ma di rado consideriamo la grandezza di quei numeri. Ecco dover una madre potrebbe spiegare ai suoi figli che contorni ha il “troppo ricco”, usando una matematica elementare e un pizzico d’immaginazione:

Un ex-trafficante di droga (non un mestiere cui aspirare!) mi ha detto che trattava di solito tanto denaro che quando consegnava i contanti ai suoi fornitori li pesavano anziché contarli. Un biglietto da $100 pesa un grammo, quindi un ammontare da un milione pesa 10 kg, 10 milioni un quintale, 100 milioni una tonnellata, e un miliardo 10 tonnellate. Immaginiamo come sarebbe se nessuno potesse possedere più denaro di quanto se ne possa portare sulla propria schiena, e il resto fosse usato per sradicare la povertà.

Oppure prendiamo la tua merendina preferita, per esempio, il biscotto con frammenti di cioccolato: uno di 10 cm di diametro e 1 cm di spessore si può comprare in panetteria per un dollaro. Una scatola di un metro per 10 cm per 10cm in confezione bella fitta conterrebbe 100 biscotti, quanto basta per varie classi della tua scuola. Un metro cubo ne avrebbe 10.000. Dieci milioni di biscotti occuperebbero una struttura come una casa alta 10 metri, lunga 10 m e larga 10. Biscotti per un miliardo di dollari riempirebbero fino al soffitto un gran magazzino alto 10 metri, lungo 100 m e largo 100 m; che sarebbero davvero tanti per un solo consumatore [tanto più] quando molti bambini se ne vanno a letto con la fame ogni giorno e non gli capitano mai merendine o dolcetti.

I biscotti spariscono una volta mangiati, allora consideriamo a un bene che si potrebbe continuare a passare dall’uno all’altro: case in affitto. Il prezzo medi(an)o di un’abitazione negli USA adesso è intorno ai $250.000 (molto di più in zone ambite). Supponendo una rendita netta da affitto in media di $12.500 annui (dopo aver pagato le tasse, l’assicurazione, le riparazioni, la manutenzione e le spese di gestione immobiliare relative), un milionario potrebbe possedere quattro case, abitarne una e affittare le altre tre ricavandone $37.500 senza alzare un dito. Potrebbe essere bello per i tuoi nonni che hanno lavorato tutta la vita volendo integrare la loro pensione di vecchiaia. Invece qualcuno con $10 milioni potrebbe possedere 40 abitazioni, con un ricavo netto intorno a $500.000 annui, vivere agiatamente con la metà e usare l’altra per comprare ancora un’altra abitazione da affittare continuando ad arricchirsi senza lavorare affatto. Con $100 milioni e 400 case si arriva a quasi $5 milioni di guadagno netto annuo, mentre un miliardario con 4.000 case rastrellerebbe poco meno di $50 milioni all’anno. Chi ha bisogno di tanto quando miliardi di persone non posseggono neppure la propria abitazione, permettendosi solo di affittare un alloggio ristretto e cadente, o sono senza tetto e dormono per strada?   Adesso esci e usa la tua bravura comunicativa per arrivare a un consenso su dove tracciare un confine fra avere una vita dignitosa ed essere “troppo ricco” o “troppo povero”, comportandosi poi di conseguenza.

Nel nostro mondo sottosopra, la gran maggioranza della gente sembra inspiegabilmente consentire a una cricca di oligarchi al controllo di gran parte delle risorse della terra e contrari a condividerle, trovando accettabile che poche dozzine di persone posseggano tanto quanto metà dell’umanità.

Un momento!  Quando un bambino afferra tutti i giocattoli per sé e rifiuta di lasciarne alle sorelle o ai fratelli, interveniamo con un energico “così non va bene!” Ma quando a certi individui si permette di ammassare più ricchezza di quanta potrebbero mai aver bisogno o usare in mille vite, dov’è l’indignazione?

I super-ricchi sono diventati così esperti a distrarre e dividere il resto di noialtri da tenerci impantanati in beghe per ogni tipo d’ingiustizia—guerre, oppressione razziale, patriarcato, partigianeria, degrado ambientale –al punto di perdere spesso di vista la smania di potere e di profitto alla radice di ciascuno di questi mali. Quindi, nostro dovere fondamentale è far sì che nessuno sia troppo ricco p troppo povero:

  • Sfidando la sacralità dei diritti di proprietà privata al culmine sociale ed espropriando la ricchezza in eccesso dei super-ricchi, e
  • Abilitando i lavoratori a costruire una società che assicuri standard di vita decente, d’alta qualità e di dignità per tutti; dove ognuno contribuisca, e i bambini, gli anziani e i disabili vengano accuditi.

Ambo i compiti sono incompatibili con i regimi a spinta capitalista al governo di quasi tutto il mondo.  Molti governi, compreso quello degli USA, sono democratici solo di nome, tributando molta liturgia vacua al secondo obiettivo, senza alcuna intenzione di attuarla appieno mai.

In quanto al primo–sfidare la sacralità della proprietà private al vertice—già solo fiatare in quei termini, figuriamoci promuoverlo o cercare d’attuarlo, è un peccato capitale secondo le èlite al potere; assolutamente imperdonabile. Pur dopo una loro eventuale espropriazione del superfluo mediante una greve tassa sulla ricchezza o altri mezzi di ridistribuzione forzata, gli ex-super-ricchi avrebbero ancor sempre ampi mezzi per una vita agiata, e non c’è dunque alcuna logica alla loro avidità e paura di perdere il treno della cuccagna. I governi comprati e pagati da oligarchi e mega-aziende non hanno problemi ad espropriare i ceti sociali in basso con esili motivi – impossessandosi di abitazioni su base ipotecaria, confiscando auto, arraffando dai conti bancari. Ma i guadagni disonesti e oscenamente eccessivi degli alti papaveri sono sacrosanti.

Nelle crisi economiche del 2008 e 2020, gli USA hanno scelto di ‘riscattare’ rapaci istituti finanziari privati, lasciando molti possessori di case privati di abitazioni ipotecate e lavoratori disoccupati appesi a seccare. L’attuale crisi COVID-19 viene sfruttata dalla “psicologia disfunzionale e violenta dell’élite globale”, che cerca di consolidare il proprio dominio e controllo sulla nostra vita, sdoganando una nuova era high-tech di maggiore sorveglianza, robotica e isolamento sociale in quanto si è condizionati a considerarsi reciprocamente rischi biologici potenziali anziché simili e compagni nella nostra famiglia umana.

Ovunque movimenti sociali dal basso hanno ottenuto trazione, le élite al potere sono rapidamente intervenuti con sabotaggi aperti e coperti. Questo è avvenuto a vari livelli con le iterazioni di socialismo, comunismo, l’elezione dif Patrice Lumumba in Congo (Rep.Dem.), la Campagna dei Poveri guidata dal dr. [M.L.] King, il Movimento Lavalas a Haiti e la Rivoluzione Bolivariana in Venezuela, ad esempio. Fra i loro strumenti, massicce campagne di propaganda, adulazione, minacce, menzogne, cooptazione, infiltrazione di organizzazioni per causare divisioni, guerra economica, violenti attacchi militari e assassinio di leader carismatici.

Cuba è sopravvissuta a questi sporchi trucchi —uno splendido esempio di governo rivoluzionario che fa quel che predica riguardo all’assistenza sanitaria, l’istruzione, gli alloggi, e far sì che tutti possano vivere in dignità, benché soggetti da 60 anni a sanzioni economiche schiaccianti, senza le quali migliorerebbero sostanzialmente i livelli di vita.  Cuba non ha miliardari né multi-milionari. Se può farlo Cuba, possiamo anche noi!  Nelle Americhe, in Africa, Asia, Europa e Oceania.

Invito tutti i movimenti sociali e quelli che ci badano–a sinistra, a destra e al centro–di unirsi in un grido unificante per sgominare la supremazia proprietaria privata al vertice e proclamare che nessuno dovrebbe essere troppo ricco o troppo povero. È ora di espropriare la ricchezza in eccesso dei super-ricchi, ridistribuendola e collettivizzandola fra le imprese statali, le cooperative  possedute da lavoratori, e i sevizi pubblici, sostenendo una modesta somma di possessi privati per tutti.

La casa in cui possiamo vivere tutti ha una base di qualità di vita con un livello minimo di vita materiale e un tetto di ricchezza materiale personale massima, costruita su stabili fondamenta di ‘equi-archia’ e attorniata da un bel giardino, aperta al cielo, dove ognuno potrebbe fruire di una illimitata ricchezza intellettuale, sociale e culturale.

Incoraggiate tutti quelli che conoscete ad unirsi a questo coro. Se abbastanza di noi si fanno sentire, non possono silenziarci tutti. Siamo energizzati dal nostro senso di equità e giustizia, dal nostro amore per la comunità, i nostri stretti rapporti con la famiglia, gli amici e i compagni. In onore della Giornata della Madre, un altro potente elemento motivante può sospingerci in avanti e renderci inarrestabili. Attingiamo a quella fonte originaria di energia rinnovabile generate dall’amore materno.

Durante i miei 70 anni su questa terra, certi momenti hanno toccata quella scintilla nel profondo della mia anima– memorie inconsce della mia quasi-morte alla nascita, quando mia madre non cedette e volle che io vivessi–sperimentando i miracoli del parto delle mie due figlie sane, cullandole fra le braccia ricolma di gioia–condividendo l’angoscia di mia figlia per la perdita della sua migliore amica in un incidente d’auto–mia sorella e io che accompagnammo gli ultimi giorni di nostra madre con amore, il contatto tenero, il canto e poche parole, infinitamente grate a lei –l’aver istruito mia figlia per tutto un lungo parto arduo, felicitandoci per la sua spinta finale e al suo grido estatico al tenere il suo splendido neonato–assistendo ai singhiozzi angosciati di mia nipote per la perdita di sua figlia 16enne suicida, e tenendola stretta.

Guardatevi dentro e trovate quegli spazi dove sentite visceralmente l’efficacia di un amore materno; un potere col potenziale di superare tutte le forze mal indirizzate e distruttive, se ci uniamo. Imbrigliamo insieme quell’invincibile potere rendendo ogni giorno una Giornata della Mamma di solidarietà rivoluzionaria.


Marilyn Langlois è un membro di TRANSCEND USA West Coast. Lei è un’organizzatrice volontaria di comunità e un’attivista di solidarietà internazionale con sede a Richmond in California.  Cofondatrice della Richmond Progressive Alliance, membro del Haiti Action Committee e membro del consiglio d’amministrazione di Task Force on the Americas, è pensionata da precedenti impieghi come insegnante, segretaria, amministratrice, mediatrice e promotrice di comunità.

Titolo originale: Listen to Your Mother: Nobody Should Be Too Rich or Too Poor – TRANSCEND Media Service-TMS

Traduzione di Miki Lanza per il Centro Studi Sereno Regis

Go to Original – serenoregis.org

 

Share this article:


DISCLAIMER: The statements, views and opinions expressed in pieces republished here are solely those of the authors and do not necessarily represent those of TMS. In accordance with title 17 U.S.C. section 107, this material is distributed without profit to those who have expressed a prior interest in receiving the included information for research and educational purposes. TMS has no affiliation whatsoever with the originator of this article nor is TMS endorsed or sponsored by the originator. “GO TO ORIGINAL” links are provided as a convenience to our readers and allow for verification of authenticity. However, as originating pages are often updated by their originating host sites, the versions posted may not match the versions our readers view when clicking the “GO TO ORIGINAL” links. This site contains copyrighted material the use of which has not always been specifically authorized by the copyright owner. We are making such material available in our efforts to advance understanding of environmental, political, human rights, economic, democracy, scientific, and social justice issues, etc. We believe this constitutes a ‘fair use’ of any such copyrighted material as provided for in section 107 of the US Copyright Law. In accordance with Title 17 U.S.C. Section 107, the material on this site is distributed without profit to those who have expressed a prior interest in receiving the included information for research and educational purposes. For more information go to: http://www.law.cornell.edu/uscode/17/107.shtml. If you wish to use copyrighted material from this site for purposes of your own that go beyond ‘fair use’, you must obtain permission from the copyright owner.


There are no comments so far.

Join the discussion!

We welcome debate and dissent, but personal — ad hominem — attacks (on authors, other users or any individual), abuse and defamatory language will not be tolerated. Nor will we tolerate attempts to deliberately disrupt discussions. We aim to maintain an inviting space to focus on intelligent interactions and debates.

*

code

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.