(Italiano) Gli invisibili… in India e nel mondo …diventano coro

ORIGINAL LANGUAGES, 14 Dec 2020

Elena Camino | Centro Studi Sereno Regis – TRANSCEND Media Service

Marcia verso Delhi – By Randeep Maddoke; randeepphotoartist@gmail.com
Provided by eMail from Randeep Maddoke, CC0

Un incredibile silenzio

– In una recente video-intervista realizzata dal Direttore dell’Istituto di Ricerca Sociale Tricontinental e giornalista Vijay Prashad sulla rivista on-line Newsclick, la scrittrice e attivista Arundhati Roy – commentando il fatto che il Primo Ministro Modi ha annunciato il lockdown dicendo  ‘avete quattro ore di tempo per chiudervi dentro’ – osservò:  “Il Primo Ministro si comporta come se i suoi cittadini  fossero forze ostili, che necessitano l’imboscata, che devono essere colti di sorpresa, di cui non ci si può fidare.” 

Arundhati Roy riferì alcuni commenti della gente – alcune tra le centinaia di migliaia che nel giro di poche ore furono costrette ad abbandonare le grandi città dove lavoravano per cercare di raggiungere i villaggi di origine, lontani anche migliaia di km –   che le dicevano: “Forse lui non sa che esistiamo…”

Anche in Italia la gente non sa che esistono centinaia di milioni di contadini che stanno drammaticamente subendo le conseguenze sanitarie e le altrettanto devastanti conseguenze socio-economiche derivanti dalle decisioni prese dal governo indiano. Il Paese, con 1 miliardo e 380 milioni di persone, subito a ridosso della Cina (1 miliardo e 400 milioni), ospita il 17,7% della popolazione mondiale. Ma non fa quasi mai notizia sui nostri giornali… neppure adesso che è stata teatro del più grande sciopero mai avvenuto nel mondo.

… mentre Wikipedia è aggiornato

Nel silenzio dei media, per fortuna qualche informazione si può ottenere da wikipedia: è in atto una protesta contro tre leggi sull’agricoltura approvate dal Parlamento indiano nel 2020, che sono state descritte come “leggi anti-agricoltori” dai sindacati degli agricoltori, mentre altri dicono che lascerebbero gli agricoltori alla “mercé delle corporazioni”. Poco dopo l’approvazione delle leggi sono iniziate le proteste: dai due stati del Punjab e dell’Haryana ha preso il via un movimento, “Delhi Chalo” (Andiamo a Delhi).  Decine di migliaia di contadini si sono diretti verso la capitale, dove hanno trovato la polizia che li ha fermati con il lancio di cannoni d’acqua e gas lacrimogeni. Al 30 novembre erano tra 200.000 e 300.000 le persone accampate intorno a Delhi.

Sono più di 500 i sindacati di contadini che stanno protestando. E a venire in loro appoggio si sono aggiunti i sindacati dei trasportatori, che rappresentano più di 14 milioni di persone.

Dopo il rifiuto del governo ad accogliere le richieste dei contadini, è in programma un’azione per l’8 dicembre, con cui gli organizzatori intendono coinvolgere tutta l’India.

Proteste nonviolente contro la violenza dello stato

Un aspetto straordinario di questa grande manifestazione è la sua natura nonviolenta. I contadini hanno manifestato pacificamente – salvo qualche lancio di pietre – mentre le violenze sono state compiute dalla polizia.

Dopo due giorni di scontri, cannoni ad acqua e sassate, il 3 dicembre i dimostranti sono entrati a Delhi.  Si attende l’arrivodi tantissimi altri contadini nei prossimi giorni.

Personale dei servizi di sicurezza minacciano un anziano contadino con i bastoni mentre cerca di passare il confine Delhi-Haryana(PTI).

Scene da un campo di protesta dei contadini: difficile che il governo Modi possa spegnere questo movimento: vi è consapevolezza che il governo sta vendendo l’India alle multinazionali, e determinazione e chiarezza nell’opporvisi.

Si allestisce una cucina comunitaria gratuita in un gruppo di dimostranti Sikh.
Foto di Saba Naqvi, fonte scroll.in

Il partito del Congresso e altri gruppi politici si sono uniti ai partiti di opposizione per offrire sostegno all’iniziativa ‘Bharat Bandh’ organizzata dai sindacati dei contadini per l’8 dicembre: accampati da 11 giorni nelle varie periferie di Delhi, chiedonoal governo di ritirare le nuove leggi riguardanti il mercato agricolo.

Non solo politici: attori, sportivi, membri della società civile in questi giorni stanno esprimendo solidarietà alle dimostrazioni dei contadini.

Un’intervista realizzata da ‘Democracy now’ a un noto giornalista esperto in questioni rurali – Palagummi Sainath – è stata tradotta per il Centro Studi Sereno Regis da Daniela Bezzi: la potete leggere qui:

I contadini indiani contro il neoliberismo e le disuguaglianze del governo Modi| Democracy Now intervista Palagummi Sainath

_______________________________________________

Elena Camino è membro della rete TRANSCEND per la Pace, Sviluppo e Ambiente e Gruppo ASSEFA Torino.

 

Share this article:


DISCLAIMER: The statements, views and opinions expressed in pieces republished here are solely those of the authors and do not necessarily represent those of TMS. In accordance with title 17 U.S.C. section 107, this material is distributed without profit to those who have expressed a prior interest in receiving the included information for research and educational purposes. TMS has no affiliation whatsoever with the originator of this article nor is TMS endorsed or sponsored by the originator. “GO TO ORIGINAL” links are provided as a convenience to our readers and allow for verification of authenticity. However, as originating pages are often updated by their originating host sites, the versions posted may not match the versions our readers view when clicking the “GO TO ORIGINAL” links. This site contains copyrighted material the use of which has not always been specifically authorized by the copyright owner. We are making such material available in our efforts to advance understanding of environmental, political, human rights, economic, democracy, scientific, and social justice issues, etc. We believe this constitutes a ‘fair use’ of any such copyrighted material as provided for in section 107 of the US Copyright Law. In accordance with Title 17 U.S.C. Section 107, the material on this site is distributed without profit to those who have expressed a prior interest in receiving the included information for research and educational purposes. For more information go to: http://www.law.cornell.edu/uscode/17/107.shtml. If you wish to use copyrighted material from this site for purposes of your own that go beyond ‘fair use’, you must obtain permission from the copyright owner.


Comments are closed.