(Italiano) L’importanza del collegamento “Pratica, Ricerca, Addestramento” nel peacebuilding

ORIGINAL LANGUAGES, 14 Dec 2020

Abbas Aroua | Centro Studi Sereno Regis – TRANSCEND Media Service

Photo by Randy Tarampi on Unsplash

10 Dicembre 2020 –All’interno di un buon ospedale universitario, non si può immaginare l’assenza di uno dei tre pilastri della sanità e del suo corretto funzionamento: pratica, addestramento e ricerca in campo medico così come nelle discipline sanitarie. Svariati ambiti dell’attività umana – come il peacebuilding – seguono lo stesso schema per ottimizzare l’accumulo di sapere, la condivisione e gestione di conoscenze, anche pratiche.

Il peacebuilding, l’equivalente della medicina per la “sanità”, trae enorme vantaggio da questo schema, nel migliorare il suo approccio e gli strumenti, per avere un impatto di maggiore efficacia. Infatti, lo sviluppo degli studi sulla pace, durante le scorse 7 decadi, si è svolto sul modello trifase “pratica, addestramento, ricerca”.

La pratica apre nuove strade alla ricerca e fornisce ricercatori con spunti nuovi e tematiche da esplorare come anche materiale grezzo da scoprire sul campo. Si previene così che i ricercatori girino in tondo, investigando su quello che hanno già esplorato.

La ricerca ha varie funzioni in questo processo: quando è direzionata e attuabile, trascina con sé la pratica: aiuta nell’analisi del conflitto, a comprendere il contesto, a elaborare la strategia migliore di intervento e progettare il processo di pace più efficace.

Quando la teoria ha una direzione, questa aiuta a formulare e impostare le lezioni apprese dalla pratica, affinando così la conoscenza alla base del peacebuilding.

Quando la teoria è supportata dalla politica, aiuta lo sviluppo di comunicazione mirata alla pace effettiva per rivolgersi ai decisori politici e altri influencer.

Practice Research Training

Ascoltare il risultato di una ricerca consente di inserirlo tra le esperienze utilizzate in addestramento  e in capacità di costruzione. Attraverso metodi aggiornati aiuta nel far fronte a nuove situazioni e problematiche emerse.

Queste comprovate esperienze forniscono agli apprendisti effettivi strumenti teorici da utilizzare, nei loro ruoli da attori della pace, la cui pratica sul campo si basa sull’evidenza.

Si finisce il giro e così un altro.

Secondo questo ciclo, per funzionare davvero e produrre risultati innovativi nel peacebuilding, la ricerca dev’essere abbinata al compito e i bisogni dell’organizzazione di pace, l’addestramento dev’essere su misura per il profilo degli apprendisti e la pratica dovrà essere sensibile al contesto.

L’assenza di una delle tre componenti di questa combinazione magica, “pratica, addestramento, ricerca”, priva l’organizzazione di pace della dimensione fondamentale di incoraggiare la pace e la allontana da una potente sinergia capace di incrementare l’impatto dell’azione di questa organizzazione di pace sul territorio.

____________________________________________

Abbas Aroua è fisico medico e professore aggiunto presso la Facoltà di Medicina dell’Università di Losanna, in Svizzera. È inoltre direttore del Cordoba Peace Institute Geneva ed esponente per il mondo arabo di TRANSCEND International.

 

Original in English: Importance of the “Practice-Research-Training” Nexus in Peacebuilding

Traduzione di Fabrizio Caridi per il Centro Studi Sereno Regis

Go to Original – serenoregis.org


Tags: , , , ,

 

Share this article:


DISCLAIMER: The statements, views and opinions expressed in pieces republished here are solely those of the authors and do not necessarily represent those of TMS. In accordance with title 17 U.S.C. section 107, this material is distributed without profit to those who have expressed a prior interest in receiving the included information for research and educational purposes. TMS has no affiliation whatsoever with the originator of this article nor is TMS endorsed or sponsored by the originator. “GO TO ORIGINAL” links are provided as a convenience to our readers and allow for verification of authenticity. However, as originating pages are often updated by their originating host sites, the versions posted may not match the versions our readers view when clicking the “GO TO ORIGINAL” links. This site contains copyrighted material the use of which has not always been specifically authorized by the copyright owner. We are making such material available in our efforts to advance understanding of environmental, political, human rights, economic, democracy, scientific, and social justice issues, etc. We believe this constitutes a ‘fair use’ of any such copyrighted material as provided for in section 107 of the US Copyright Law. In accordance with Title 17 U.S.C. Section 107, the material on this site is distributed without profit to those who have expressed a prior interest in receiving the included information for research and educational purposes. For more information go to: http://www.law.cornell.edu/uscode/17/107.shtml. If you wish to use copyrighted material from this site for purposes of your own that go beyond ‘fair use’, you must obtain permission from the copyright owner.


There are no comments so far.

Join the discussion!

We welcome debate and dissent, but personal — ad hominem — attacks (on authors, other users or any individual), abuse and defamatory language will not be tolerated. Nor will we tolerate attempts to deliberately disrupt discussions. We aim to maintain an inviting space to focus on intelligent interactions and debates.

*

code

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.