(Italiano) Un altro Afghanistan

ORIGINAL LANGUAGES, 13 Sep 2021

René Wadlow | Centro Studi Sereno Regis - TRANSCEND Media Service

10 Settembre 2021 – Dal 15 agosto 2021 e l’inizio del controllo di Kabul da parte delle forze armate taliban, c’è stato un sacco di commenti sull’appropriatezza o adeguatezza dei metodi d’azione USA e NATO alla sfida che aveva di fronte. Che era chiara fin dall’inizio seppure non articolata dal governo USA come ragione del proprio intervento. La sfida si è parata dinanzi a tutti i governi centrali dell’Afghanistan.

Governo e tribù

La lotta fra il governo centrale e i gruppi tribali estremamente indipendenti è un tema persistente della vita politica afghana. Ogni governo afghano che abbia provato a centralizzare il potere si è incontrato con questa problematica.

La struttura valoriale e le pratiche sociali sono permeate dagli atteggiamenti e dalle lealtà tribali anche in ambiti urbani. Ci sono antagonismi intertribali di differenti storie e ambienti etnolinguistici. Il maggior antagonismo è fra i Pashtun e i gruppi etnici non-Pashtun. I non-Pashtun hanno provato risentimento verso la dominazione Pashtun e le hanno opposto resistenza.

In questo complicato quadro nazionale già alla fine della Seconda Guerra Mondiale sono giunte le considerazioni di potere di governi stranieri. Di URSS e USA, Pakistan e India, Iran e Cina. E oltre ai rapporti formali fra governi certe agenzie d’intelligence come la CIA (USA) e i servizi militari ISI del Pakistan hanno svolto ruoli alquanto indipendenti sostenendo con denaro e armi alcune fazioni. La rivoluzione iraniana del 1979 e l’accresciuto ruolo dell’Arabia Saudita e degli stati del Golfo hanno aggiunto altri stati alla scena politica. L’intervento sovietico del 1980 vide il sorgere dei gruppi resistenti islamici fondamentalisti, alcuni dei quali hanno formato la base degli attuali taliban.

Vent’anni di presenza USA e NATO e la seria opera di molte organizzazioni non-governative nonché di agenzie ONU non aveva cambiato la configurazione politica e sociale basilare del paese. L’immagine dell’aeroporto di Kabul con chi partiva, chi voleva partire e chi era lasciato indietro resta l’immagine di fallimento; anche se la perdurante presenza militare offriva poca speranza di una società più giusta e consensuale. È probabile che l’immagine dell’aeroporto di Kabul resterà nella mente del pubblico; come pure l’evacuazione dell’ambasciata USA in Vietnam riassume i lunghi anni d’intervento USA lì.

Un altro Afghanistan

Avrebbe potuto esserci un’immagine differente di un altro Afghanistan. Magari la sequenza finale del film del 1979 “Meeting with Remarkable Men” di Peter Brook con Terence Stamp, tratto dall’omonimo libro di G.I.Gurdjieff – la scena di danze o movenze da tempio apprese da Gurdjieff in monasteri collegati al sufismo in Afghanistan e altrove in Asia Centrale. Una stretta collaboratrice di Gurdjieff, Jeanne de Salzmann, aveva consigliato il regista sulla natura delle movenze il cui scopo era sviluppare autoconsapevolezza.

Lungo la stessa linea di pensiero, il governo turco, anziché mandare 600 soldati per contribuire alla guardia dell’aeroporto durante l’evacuazione finale, avrebbe potuto mandare 600 Dervishi Rotanti dell’Ordine Mevlevi con la propria musica classica turca per mostrare ai taliban che la musica non è antislamica.

L’Afghanistan e la zona di confine col Pakistan sono da lungo tempo un centro di riflessione sufica sulle modalità per raggiungere il Sé Superiore. Forse un maggior numero di persone che avessero acquisito maggiore autocoscienza avrebbe potuto non svanire di fronte ai taliban come han fatto i militari afghani addestrati dagli USA.

Per quelli di noi attivi nel peacebuilding, la situazione afghana richiede valutazione e la disponibilità a considerare nuovi approcci, [peraltro] come faranno molto il US Dipartimento di Stato USA e il Pentagono. Adesso possiamo dire che le forze militari non sono addestrate o socializzate per realizzare società liberal-democratiche. Tuttavia, può darsi che si debba essere più chiari su quali misure di peacebuilding avrebbero potuto fare una vera differenza in società complesse e divise come l’Afghanistan. Temo che l’Afghanistan non sarà la fine di tali sfide.

_______________________________________

René Wadlow è membro della Task Force sul Medio Oriente della Fellowship of Reconciliation, presidente e rappresentante all’ONU (Ginevra) dell’Associazione dei Cittadini del Mondo, e caporedattore di Transnational Perspectives. È membro della Rete TRANSCEND per Pace Sviluppo Ambiente.

Original in English: The Other Afghanistan – TRANSCEND Media Service

Traduzione di Miki Lanza per il Centro Studi Sereno Regis

Go to Original – serenoregis.org


Tags: , , , , , , , , , , , , , , ,

 

Share this article:


DISCLAIMER: The statements, views and opinions expressed in pieces republished here are solely those of the authors and do not necessarily represent those of TMS. In accordance with title 17 U.S.C. section 107, this material is distributed without profit to those who have expressed a prior interest in receiving the included information for research and educational purposes. TMS has no affiliation whatsoever with the originator of this article nor is TMS endorsed or sponsored by the originator. “GO TO ORIGINAL” links are provided as a convenience to our readers and allow for verification of authenticity. However, as originating pages are often updated by their originating host sites, the versions posted may not match the versions our readers view when clicking the “GO TO ORIGINAL” links. This site contains copyrighted material the use of which has not always been specifically authorized by the copyright owner. We are making such material available in our efforts to advance understanding of environmental, political, human rights, economic, democracy, scientific, and social justice issues, etc. We believe this constitutes a ‘fair use’ of any such copyrighted material as provided for in section 107 of the US Copyright Law. In accordance with Title 17 U.S.C. Section 107, the material on this site is distributed without profit to those who have expressed a prior interest in receiving the included information for research and educational purposes. For more information go to: http://www.law.cornell.edu/uscode/17/107.shtml. If you wish to use copyrighted material from this site for purposes of your own that go beyond ‘fair use’, you must obtain permission from the copyright owner.


There are no comments so far.

Join the discussion!

We welcome debate and dissent, but personal — ad hominem — attacks (on authors, other users or any individual), abuse and defamatory language will not be tolerated. Nor will we tolerate attempts to deliberately disrupt discussions. We aim to maintain an inviting space to focus on intelligent interactions and debates.

*

code

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.