(Italiano) Cambiamento climatico: facciamo finta

ORIGINAL LANGUAGES, 21 Nov 2022

Anthony Judge | Centro Studi Sereno Regis - TRANSCEND Media Service

Photo by Chris LeBoutillier on Unsplash

11 nov 2022 | Aggiornato dall’8 dic 2016 – Ispirato dal susseguirsi delle Conferenze delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP), dal totale fallimento nel riconoscere le sfide sottostanti (Developing a Strategy Omitting a Key Problem: the systemic challenge of climate change and resource issues, 2009), e dall’anticipazione di iniziative unilaterali sconsiderate (Geoengineering Oversight Agency for Thermal Stabilization, 2022)

****************************

Perché dobbiamo fare qualcosa per il cambiamento climatico dopo la COP27?

Manifesto

  1. Il cambiamento climatico è indicato da molti come una crisi globale emergente della massima urgenza in un periodo in cui una varietà di altre crisi sono state chiamate in modo simile. Perché non fingere semplicemente che la risposta sia adeguata, se non efficace, come per le altre crisi?
  2. Le prove dell’accumularsi degli effetti del cambiamento climatico sono una questione di interpretazione, come alcuni sostengono sottolineando la loro particolare autorità. Perché non fingere semplicemente che gli effetti evidenti siano semplicemente momentanei e accidentali, per quanto deplorevoli, come altri scelgono di sostenere?
  3. Alcuni promuovono vigorosamente azioni specifiche in risposta al cambiamento climatico. Perché non salutare semplicemente gli sforzi correttivi, fingendo di sottoscrivere il loro programma, se necessario, senza impegnarsi in azioni più che simboliche?
  4. Dato l’ottimismo variamente coltivato, si presume facilmente che l’ingegno umano consentirà di rispondere efficacemente alle sfide del cambiamento climatico – attraverso nuove tecnologie e/o iniziative locali. C’è qualche motivo per credere senza riserve che l’ingegno umano sarà davvero adeguato?
  5. Se il “cambiamento climatico” è considerato una “bufala”, come sostengono alcuni leader influenti per giustificare i loro programmi, la maggior parte delle crisi urgenti potrebbe essere inquadrata in questo modo. Le affermazioni dei leader in merito a qualsiasi agenda preferita devono essere sempre più riconosciute come “bufale” di questo tipo – date le giustificazioni ampiamente documentate dell’erosione della fiducia nella leadership?
  6. La preoccupazione per il cambiamento climatico e la natura delle risposte promosse possono essere riconosciute da alcuni come una distrazione deliberata da altre questioni, oscurando quelle che sono particolarmente scomode e più vitali per altri. Come si possono riconoscere e distinguere questi aspetti nelle circostanze attuali? Piuttosto che una “bufala”, è meglio riconoscere il “cambiamento climatico” come una finzione collettiva particolarmente conveniente?
  7. Alcuni media dedicano un notevole sforzo a coltivare la preoccupazione per il cambiamento climatico e la necessità che tutti “siano a bordo”. Come si può distinguere questo processo di pubbliche relazioni dal modello di accordo del classico racconto de I vestiti nuovi dell’imperatore – o dall’uso necessariamente fuorviante delle “fake news”? Qualsiasi risultato positivo del processo della COP sarà riconoscibile sotto questa luce? La chiave sta forse nella finzione dell’accordo?
  8. Inquadrata come l’ultima sfida per l’umanità e la vita sul pianeta, la natura della sfida del cambiamento climatico è paragonabile ad altre sfide così inquadrate in passato: comunismo, socialismo, capitalismo, fascismo, povertà, guerra, male e simili. Come si può distinguere strategicamente la risposta al cambiamento climatico dalla discutibile risposta ad altre sfide simili? È necessario farlo? Gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite dovrebbero essere riconosciuti più appropriatamente come un modello di finzione?
  9. La coerenza strategica anticipata nel caso delle iniziative sul cambiamento climatico purtroppo trascura un processo sistemico estremamente dirompente: lo sfruttamento delle vulnerabilità strategiche e la tendenza al caos, in particolare da parte della criminalità organizzata, della leadership corrotta e delle bande locali. È particolarmente conveniente supporre che non ci sarà alcuna perturbazione strategica che potrebbe essere sempre più evidente?
  10. Le affermazioni sulla necessità di un’azione urgente di nuovo tipo trascurano il riconoscimento della varietà di processi in gioco che costituiscono una risposta sistemica potenzialmente adeguata – anche se di natura che potrebbe essere considerata deplorevole da molti. Molte delle pratiche attuali di governi, aziende, istituzioni e individui si combinano effettivamente per costituire una risposta preventiva non riconosciuta al cambiamento climatico, generando un collasso “correttivo” precoce – più efficace per il pianeta (e forse per la società) delle strategie altrimenti previste e promosse?
  11. Come sfida che solo di recente ha acquisito visibilità a livello globale, il cambiamento climatico può essere riconosciuto come un comodo veicolo per coloro che desiderano identificarsi con qualcosa di nuovo – una nuova campagna che mette in discussione le pratiche delle generazioni precedenti e del passato. Riconosciuto come un sano processo catalitico, è necessario che tutti usino lo stesso veicolo strategico, soprattutto quando ne emergeranno altri, più attraenti per le generazioni successive e suscettibili di essere rivendicati come ancora più “urgenti”?
  12. La coltivazione dell’immagine in ogni ambito, che si tratti di Paesi, società, imprese o individui, è indicativa dell’evoluzione in una società di finzione globale. Qualsiasi finzione di preoccupazione e impegno – nel caso del cambiamento climatico – è quindi del tutto coerente con questo modello. Come potrebbe essere messo in discussione – da chi e perché – se non come una forma di finzione in sé?
  13. Non fare nulla in risposta al cambiamento climatico può ovviamente essere contestato come “non un’opzione”. Considerando la misura in cui “non si fa nulla” su una serie di altre questioni apparentemente più urgenti, perché non dovrebbe essere un’opzione praticabile per alcuni?
  14. La mutevolezza del clima è una delle caratteristiche più evidenti dell’ambiente naturale. Le strategie per “fermare il cambiamento climatico” devono allora essere riconosciute come un esempio della necessità di fingere, come suggerito qui – ricordando le intuizioni della leggendaria storia di Re Canuto e la marea?
  15. Qualsiasi tendenza al panico pubblico ha chiaramente la tendenza ad esacerbare l’emergere di una risposta coerente al cambiamento climatico – come per altre crisi. È quindi giustificato oscurare i “fatti” scomodi a questo proposito attraverso la pretesa sistematica della loro mancanza di giustificazione di “fatti alternativi” – se la loro menzione non può essere proibita?
  16. I più ottimisti prevedono che le sfide estreme del cambiamento climatico siano foriere di un intervento soprannaturale di qualche tipo, persino da parte di “extraterrestri”. Non è forse giustificato indulgere nella pretesa che un intervento soprannaturale possa effettivamente rivelarsi tale?
  17. Un manifesto, specialmente nell’articolazione di un programma politico, è facilmente riconoscibile come una forma di finzione. In che modo questo manifesto è coerente con tale modello?

Assumere una virtù se non la si possiede

William Shakespeare, Amleto

Assumi una virtù, se non ce l’hai.
Quel mostro, la consuetudine, che mangia ogni senso,
di abitudini diaboliche, è ancora angelo in questo,
che all’uso di azioni giuste e buone
dà anche una veste o una livrea
che si indossa in modo appropriato. Astenersi stasera,
e questo conferirà una sorta di facilità
alla prossima astinenza; la prossima sarà più facile;
Perché l’uso può quasi cambiare l’impronta della natura

Riferimenti sul cambiamento climatico:

Derek H. Burney. Politica estera: più coerenza, meno finzione. Simon Reisman Lecture in International Trade Policy, 2005.

Kevin Casey. Perché il cambiamento climatico è irrilevante: la crescita economica è un mito e la sostenibilità è in ritardo di quarant’anni. Global Comment, 20 novembre 2019 [testo più 250 commenti].

Karen A. Cerulo. Never Saw It Coming: sfide culturali per immaginare il peggio. University of Chicago Press, 2006

Barbara Ehrenreich:
Bright-sided: come l’incessante promozione del pensiero positivo ha minato l’America. Metropolitan Books, 2009
Smile Or Die: come il pensiero positivo ha ingannato l’America e il mondo. Granta Books, 2010 [riassunto]

Jonathan Franzen. E se smettessimo di fingere? L’apocalisse climatica sta arrivando. The New Yorker, 8 settembre 2019 [testo]

Thoma Homer-Dixon:
The Upside of Down: Catastrophe, Creativity, and the Renewal of Civilization. Knopf. 2006.
The Ingenuity Gap. Knopf. 2000

Nava Kahana e Tikva Lecker. Quando la finzione può essere vantaggiosa. Teoria e decisione, 48. 2000, 1 [abstract]

Rasmus Kløcker Larsen e Neil Powell. Policy Coherence for Sustainable Agricultural Development: uncovering prospects and pretence within the Swedish policy for global development. Development Policy Review, 31, 2013, 6 [abstract]

Geoff Leane, Gary D Meyers e Sonia Potter. Promessa o finzione: Compliance with the Intergovernmental Agreement on the Environment – The National Environment Protection Council (Western Australia) Act 1996. Murdoch University Electronic Journal of Law, 4, 1997, 1 [testo].

Shaun Nichols e Stephen P. Stich. Mindreading: An Integrated Account of Pretence, Self-Awareness, and Understanding Other Minds. Clarendon Press, 2003

Bruce Pardy. Le sciarade del cambiamento climatico: le false pretese ambientali della governance energetica statalista. Windsor Review of Legal and Social Issues, 26. 2009 [abstract]

Laura Patachi. Il marchio della città verde. Sostenibilità o mera finzione? Acta Technica Napocensis: Ingegneria Civile e Architettura, 58, 2015, 4 [testo]

Piers Pigou. Le riforme dello Zimbabwe: un esercizio di credibilità – o di finzione? AfricaPortal, 1 settembre 2016 [testo]

John Ralston Saul. La civiltà dell’inconscio. Free Press, 1997

Dean Spears. Aria: Pollution, Climate Change and India’s Choice Between Policy and Pretence. HarperCollins, 2019

Nassim Nicholas Taleb:
Il cigno nero: l’impatto dell’altamente improbabile. Random House, 2007
Antifragile: Le cose che traggono vantaggio dal disordine. Random House. 2012

Geoffrey Vickers. Freedom in a Rocking Boat: i valori che cambiano in una società instabile. 1972

______________________________________________

Original in English: Climate Change — Let’s Just Pretend – TRANSCEND Media Service

Go to Original – serenoregis.org


Tags: , , , , , , , , , , , , ,

 

Share this article:


DISCLAIMER: The statements, views and opinions expressed in pieces republished here are solely those of the authors and do not necessarily represent those of TMS. In accordance with title 17 U.S.C. section 107, this material is distributed without profit to those who have expressed a prior interest in receiving the included information for research and educational purposes. TMS has no affiliation whatsoever with the originator of this article nor is TMS endorsed or sponsored by the originator. “GO TO ORIGINAL” links are provided as a convenience to our readers and allow for verification of authenticity. However, as originating pages are often updated by their originating host sites, the versions posted may not match the versions our readers view when clicking the “GO TO ORIGINAL” links. This site contains copyrighted material the use of which has not always been specifically authorized by the copyright owner. We are making such material available in our efforts to advance understanding of environmental, political, human rights, economic, democracy, scientific, and social justice issues, etc. We believe this constitutes a ‘fair use’ of any such copyrighted material as provided for in section 107 of the US Copyright Law. In accordance with Title 17 U.S.C. Section 107, the material on this site is distributed without profit to those who have expressed a prior interest in receiving the included information for research and educational purposes. For more information go to: http://www.law.cornell.edu/uscode/17/107.shtml. If you wish to use copyrighted material from this site for purposes of your own that go beyond ‘fair use’, you must obtain permission from the copyright owner.


There are no comments so far.

Join the discussion!

We welcome debate and dissent, but personal — ad hominem — attacks (on authors, other users or any individual), abuse and defamatory language will not be tolerated. Nor will we tolerate attempts to deliberately disrupt discussions. We aim to maintain an inviting space to focus on intelligent interactions and debates.

Please solve this question to prevent spam, thank you!
− 2 = 6

Note: we try to save your comment also when there are technical problems or a mistake in the Captcha. Still, for long comments we recommend that you copy them somewhere else as a backup before you submit them.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.