(Italiano) Aaron Bushnell e Johan Galtung: in lutto per due oppositori di principio della guerra

ORIGINAL LANGUAGES, 11 Mar 2024

Amy Goodman and Denis Moynihan | Democracy NOW! – TRANSCEND Media Service

Common Dreams – Centro Studi Sereno Regis

Aaron Bushnell e Johan Galtung hanno dedicato la loro vita a porre fine alla guerra in modi diversi.

– Di recente il mondo ha perso due grandi oppositori della guerra, ma in circostanze drasticamente diverse. Johan Galtung è morto il 17 febbraio all’età di 93 anni. Il sociologo norvegese era conosciuto come il padre degli studi sulla pace e ha trascorso la sua vita a ricercare i conflitti e a promuovere il dialogo per la pace.

Aaron Bushnell aveva solo 25 anni. Era un membro in servizio attivo dell’aeronautica militare degli Stati Uniti. Domenica 25 febbraio, Aaron Bushnell ha avviato un video streaming in diretta mentre camminava verso l’ambasciata israeliana a Washington.

“Non sarò più complice di un genocidio”, ha detto Bushnell. “Sto per impegnarmi in un atto di protesta estremo, ma rispetto a ciò che le persone hanno vissuto in Palestina per mano dei loro colonizzatori, non è affatto estremo. Questo è ciò che la nostra classe dirigente ha deciso che sarà normale”.

“Non aveva pensieri di suicidio. Aveva pensieri di giustizia”.

In piedi davanti al cancello dell’ambasciata, con il video ancora in funzione, si è cosparso di un liquido e si è dato fuoco. Le sue ultime parole, gridate più volte mentre le fiamme lo consumavano, sono state “Palestina libera! Palestina libera!”. Mentre un agente puntava la pistola contro Aaron, un secondo agente ha urlato: “Non ho bisogno di pistole. Ho bisogno di un estintore”.

Aaron è stato formalmente dichiarato morto ore dopo.

All’inizio del giorno aveva postato un link al live stream, con la didascalia: “A molti di noi piace chiedersi: “Cosa farei se fossi vivo durante la schiavitù? O nel Sud di Jim Crow? O dell’apartheid? Cosa farei se il mio Paese stesse commettendo un genocidio?”. La risposta è che lo state facendo. Proprio adesso”.

Levi Pierpont era un amico di Aaron. Si sono conosciuti durante l’addestramento di base alla base aerea di Lackland a San Antonio, in Texas. Intervenendo al telegiornale di Democracy Now!, pochi giorni dopo la morte di Aaron, Levi ha detto che entrambi si sono arruolati nell’esercito “per esplorare gli Stati Uniti, per esplorare il mondo, per incontrare persone di altre origini”. E ha continuato: “Nel corso degli anni, entrambi abbiamo cambiato le nostre convinzioni sulla guerra, in gran parte grazie a ciò che abbiamo visto nell’esercito, perché ne abbiamo fatto parte. So che sia lui che io siamo stati incoraggiati da persone che su YouTube scrivevano video-saggi sui movimenti di giustizia sociale negli Stati Uniti”.

“Alla fine sono uscito come obiettore di coscienza”, ha continuato Levi. “Ci siamo parlati durante tutto il processo. E nel momento in cui ho iniziato a fare progressi con il processo e si stava avvicinando alla fine – sono uscito nel luglio del 2023 – lui ha sentito che era già abbastanza vicino alla sua data di fine e ha deciso di non intraprendere la stessa strada. E io l’ho capito, perché il processo di obiezione di coscienza può durare più di un anno”.

Anche Johan Galtung è stato un obiettore di coscienza, da giovane in Norvegia. Da bambino, la Germania nazista occupò il suo Paese e imprigionò suo padre. In un’intervista, ha ricordato come sua madre gli facesse leggere il giornale per conoscere i nomi dei prigionieri politici che i tedeschi avevano giustiziato il giorno prima, per vedere se suo padre era tra loro, per risparmiarle il dolore di leggere la lista. Suo padre sopravvisse, ma la guerra cambiò per sempre Johan. Ha dedicato la sua vita a colmare i divari e a trovare soluzioni creative ai conflitti del mondo reale.

“Mi auguro che gli Stati Uniti, invece di intervenire militarmente, inizino a risolvere i conflitti”, ha detto Galtung a Democracy Now! nell’aprile 2012. “Avete così tante persone brillanti in questo Paese, così tante persone istruite. Per risolvere i conflitti, bisogna parlare con l’altra parte, o con le altre parti. Bisogna sedersi con i talebani e con le persone di al-Qaeda o con le persone vicine ad al-Qaeda. Devi sederti con persone del Pentagono e del Dipartimento di Stato. E bisogna chiedere loro: “Che aspetto ha l’Afghanistan dove vorreste vivere? Che aspetto ha il Medio Oriente dove vorreste vivere?”. Si ottiene un’enorme quantità di persone molto ponderate che fanno riflessioni molto profonde”.

Levi Pierpont piange la perdita del suo amico e vorrebbe che Aaron non si fosse tolto la vita.

“Non voglio che nessun altro muoia in questo modo. Se mi avesse chiesto di farlo, lo avrei pregato di non farlo. Avrei fatto tutto il possibile per fermarlo. Ma, ovviamente, non possiamo riportarlo indietro”, ha detto Levi a Democracy Now! “Gli avrei detto che non era necessario per diffondere il messaggio. Gli avrei detto che c’erano altri modi”.

Dopo aver espresso il suo profondo dolore, Levi ha concluso: “Non aveva pensieri di suicidio. Aveva pensieri di giustizia. È di questo che si trattava. Non si trattava della sua vita. Si trattava di usare la sua vita per mandare un messaggio”.

___________________________________________________

Original in English: Aaron Bushnell & Johan Galtung, Rest in Peace – TRANSCEND Media Service

Traduzione di Enzo Gargano per il Centro Studi Sereno Regis

Go to Original – serenoregis.org


Tags: , , , , , , , , , , , , , , ,

Share this article:


DISCLAIMER: The statements, views and opinions expressed in pieces republished here are solely those of the authors and do not necessarily represent those of TMS. In accordance with title 17 U.S.C. section 107, this material is distributed without profit to those who have expressed a prior interest in receiving the included information for research and educational purposes. TMS has no affiliation whatsoever with the originator of this article nor is TMS endorsed or sponsored by the originator. “GO TO ORIGINAL” links are provided as a convenience to our readers and allow for verification of authenticity. However, as originating pages are often updated by their originating host sites, the versions posted may not match the versions our readers view when clicking the “GO TO ORIGINAL” links. This site contains copyrighted material the use of which has not always been specifically authorized by the copyright owner. We are making such material available in our efforts to advance understanding of environmental, political, human rights, economic, democracy, scientific, and social justice issues, etc. We believe this constitutes a ‘fair use’ of any such copyrighted material as provided for in section 107 of the US Copyright Law. In accordance with Title 17 U.S.C. Section 107, the material on this site is distributed without profit to those who have expressed a prior interest in receiving the included information for research and educational purposes. For more information go to: http://www.law.cornell.edu/uscode/17/107.shtml. If you wish to use copyrighted material from this site for purposes of your own that go beyond ‘fair use’, you must obtain permission from the copyright owner.

There are no comments so far.

Join the discussion!

We welcome debate and dissent, but personal — ad hominem — attacks (on authors, other users or any individual), abuse and defamatory language will not be tolerated. Nor will we tolerate attempts to deliberately disrupt discussions. We aim to maintain an inviting space to focus on intelligent interactions and debates.

+ 22 = 32

Note: we try to save your comment in your browser when there are technical problems. Still, for long comments we recommend that you copy them somewhere else as a backup before you submit them.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.