(Italiano) Caro Johan…

ORIGINAL LANGUAGES, 6 Oct 2014

Elena Camino – Centro Studi Sereno Regis

Leggere il tuo editoriale (Italiano) L’ambiente: molto olistico, molto dialettico (The Environment: Very Holistic, Very Dialectic) mi ha sconcertato e avvilito.

Da un lato sottolinei la complessità del problema – che non è solo la possibile variazione della temperatura media dell’atmosfera terrestre, il ruolo della CO2: due variabili tra le tante…; dall’altra ti fai portavoce,con tutta la carica della tua fama, di valutazioni e giudizi di due persone (Maruyama e Takeda) sintetizzandone (immagino) le riflessioni. Insomma, mentre da un lato metti in guardia che non si tratta di un solo fattore, dall’altra fai proprio una operazione di semplificazione e banalizzazione di un problema globale,complesso e controverso.

Il problema del riscaldamento /raffreddamento globale, come sai bene, riguarda l’intero funzionamento dei sistemi naturali, all’interno dei quali le comunità viventi (umane e non umane) traggono tutto quanto è necessario per vivere. A far funzionare questo meraviglioso insieme di sistemi interconnessi ci sono flussi di materia (non solo ossigeno e CO2,ma fosforo, azoto, zolfo…), di energia (non solo la luce solare assorbita più o meno dalle superfici!), di informazione (dai trasferimenti orizzontali tra batteri, agli accoppiamenti amorosi dei primati, alle simbiosi tra specie diverse).

Quando parli di variazioni di temperature non nomini l’acqua: come si può pensare di separare le temperature alle variazioni del ciclo dell’acqua, dall’esaurimento delle falde alle aree siccitose ai tornado?

I punti che elenchi, attribuendoli ai due autori giapponesi, sono o incompleti, o errati, o fuorvianti: forse,nello sforzo di sintetizzare, involontariamente hai contribuito a un degrado dell’informazione.

Il tuo cenno critico a un libro scritto nel 1972 non tiene conto dei fiumi di riflessioni che ad esso seguirono, fino alle recenti conferme sull’esaurimento di materie prime e all’ingestibile situazione degli inquinanti.

A dare un quadro un po’ più complesso (come piace a te) del problema globale varrebbe la pena consultare la letteratura scientifica ‘sistemica’ (ormai vastissima). Oppure si potrebbero sfogliare due libri, che chiamano anche direttamente in causa il tema dalla violenza–nonviolenza. Uno è “Slow violence and the environmentalism of the poor” (di Rob Nixon, 2011, Harvard University Press); l’altro è “Churning the Earth: The Making of Global India”, di Shrivastava e Kothari, (Penguin 2012).

Non credo sia utile andare a leggere le opinioni favorevoli o contrarie sulle variazioni di temperatura della Terra, come tu suggerisci: il problema va ben al di là dei sintomi, e per affrontarlo non basta schierarsi da una parte o dall’altra.

______________________________

Elena Camino è membro della rete TRANSCEND per la Pace, Sviluppo e Ambiente.

Go to Original – serenoregis.org

 

Share this article:


DISCLAIMER: The statements, views and opinions expressed in pieces republished here are solely those of the authors and do not necessarily represent those of TMS. In accordance with title 17 U.S.C. section 107, this material is distributed without profit to those who have expressed a prior interest in receiving the included information for research and educational purposes. TMS has no affiliation whatsoever with the originator of this article nor is TMS endorsed or sponsored by the originator. “GO TO ORIGINAL” links are provided as a convenience to our readers and allow for verification of authenticity. However, as originating pages are often updated by their originating host sites, the versions posted may not match the versions our readers view when clicking the “GO TO ORIGINAL” links. This site contains copyrighted material the use of which has not always been specifically authorized by the copyright owner. We are making such material available in our efforts to advance understanding of environmental, political, human rights, economic, democracy, scientific, and social justice issues, etc. We believe this constitutes a ‘fair use’ of any such copyrighted material as provided for in section 107 of the US Copyright Law. In accordance with Title 17 U.S.C. Section 107, the material on this site is distributed without profit to those who have expressed a prior interest in receiving the included information for research and educational purposes. For more information go to: http://www.law.cornell.edu/uscode/17/107.shtml. If you wish to use copyrighted material from this site for purposes of your own that go beyond ‘fair use’, you must obtain permission from the copyright owner.


One Response to “(Italiano) Caro Johan…”

  1. Brief reply from Johan Galtung:

    Thank you for your response dear Elena.

    My article only takes a stand in favor of complexity, based on three specialists, one from USA, two from Japan. They are not the only ones, and I refer to the debate. But the politically dominant line of thinking, both governmental and nongovernmental is linear, more CO2, more global warming, hence less CO2.

    I fear that we are heading for great disappointments.

    –johan galtung