(Italiano) Il giornalismo non sia al servizio dell’odio e della propaganda

IN ORIGINAL LANGUAGES, 30 Jul 2018

Silvia Berruto – TRANSCEND Media Service

Per un Giornalismo Indipendente e Nonviolento

29 Lug 2018 – Propaganda, odio e costruzionismi connotano parte dell’informazione italiana verso la quale i giornalisti hanno precise responsabilità.
Se nella propaganda invece che ai fatti e ai dati si dà spazio alle percezioni nell’informazione “nonviolenta” la/il giornalista tenta di ristabilire la verità degli accadimenti attraverso contestualizzazioni e interpretazioni intellettualmente oneste.
Alla fabbrica della paura la/il giornalista op(pro)pone l’oggettività di metodologie che implichino, restituiscano e permettano la misurabilità e verificabilità dei fatti e dei dati da parte di tutti così da promuovere un empowerment in progress di chi legge.

A garanzia di un consumo critico dell’informazione.

Per un’informazione che non manipoli il suo destinatario – la lettrice, il lettore – per interessi particolari, per propaganda politica, per secondi fini, per affiliare pubblico, per ottenere consenso.
Un’informazione che non sia distrazione e dis-informazione di massa. Senza generalizzazioni, semplificazioni e facili conclusioni.
Informazione come disciplina e autodisciplina.
Ai costruzionismi e alla propaganda la/il giornalista oppone il dire, gandhianamente, la verità.
Dire la verità non lascia spazi alla strumentalizzazione.

Da prospettiva a matrice e a impatto nonviolenti, la metodologia di lotta per un’informazione di verità non può che essere, ancora e sempre, anche nel giornalismo, quella del satyagraha.
Satya significa “verità” e agraha “insistenza, forza”.
Come ricorda Giuliano Pontara satyagraha corrisponde all’INSISTENZA nella e per la verità ed (è) la forza che proviene da essa.

Per una ricerca collettiva e cooperativa della verità.

In un’informazione in cui i mezzi e i fini coincidono e sono interconnessi, una notizia o un fatto giornalisticamente riportati non potranno che essere, contemporaneamente e ontologicamente, il prodotto, lo stile e il contenuto (comprensivi della scelta delle parole “per dirlo”) della narrazione.

La Nonviolenza al giornalismo di guerra op(pro)pone il giornalismo di pace, al giornalismo delle notizie false (fake news) op(pro)pone il giornalismo di verità.

Con resilienza e indipendenza intellettuale nella mente, nel cuore, nella penna e nella macchina fotografica.

The decisive moment.

Non di Cartier-Bressoniana memoria, ma per agire una rivoluzione nonviolenta.

Per non tradire nessuna parte in gioco – il fatto, la narrazione, il lettore, la Verità – l’appello di GCR potrebbe essere inteso ed agito come il rappel di Lanza del Vasto: un richiamo, un ritorno all’essenziale.

Per essere presenti al presente.

 Silvia Berruto, amica e persuasa della Nonviolenza, giornalista contro il razzismo

***********

L’Appello di Giornalisti contro il razzismo (GCR)
Il giornalismo non sia al servizio dell’odio e della propaganda

Campagna: Il giornalismo non sia al servizio dell’odio e della propaganda
Promossa da: Giornalisti contro il razzismo

A nessuno dev’essere permesso di ingannare e tradire l’opinione pubblica e la vita democratica.

Dieci anni fa  abbiamo lanciato un appello – “I media rispettino il popolo Rom” – e una proposta di autodisciplina del linguaggio – “Mettiamo al bando la parola clandestino” – con il proposito di contribuire a una discussione aperta sul modo di fare informazione in un periodo di campagne politiche sulla sicurezza spesso condotte sul filo dell’emotività e della paura. Da allora molte cose sono cambiate, alcune anche in meglio, ma stanno emergendo nuovi motivi di forte preoccupazione.

Negli ultimi mesi di cronache politiche abbiamo assistito a un’allarmante accelerazione di un processo che da anni indebolisce il diritto dei cittadini a un’informazione onesta, approfondita e indipendente, che serva a migliorare la vita dei cittadini e non a generare paure, odio e tensioni sociali.

In particolare, si registra una diffusa tendenza giornalistica – anche nella stampa cosiddetta indipendente – a riportare acriticamente affermazioni di esponenti politici palesemente menzognere e fuorvianti. Espressioni che utilizzano un lessico costantemente sopra le righe – quando non propriamente rabbioso, violento e istigatore di violenza – per propagandare uno specifico punto di vista e per continuare a rimettere in cima alle priorità italiane una sola questione: lo stigma e il pre-giudizio contro le persone in fuga verso l’Europa.

È evidente, per esempio, l’intento di propaganda politica e non certo di riportare la verità quando i massimi rappresentanti istituzionali parlano ad esempio di naufraghi in crociera, Ong al soldo delle mafie dei barconi, aree di guerra “inesistenti”, fantomatici e vaghi complotti di “sostituzione etnica”, ruspe per spianare campi nomadi, rom italiani “purtroppo non espatriabili”, migranti che non viaggerebbero in aereo perché sulle navi umanitarie si godono “la pacchia”. Alle garanzie costituzionali e alla tutela dei diritti umani fondamentali si sostituiscono interpretazioni e costruzioni capziose e strumentali prive di fondamento.

È obbligo civile prima ancora che deontologico del giornalista, contestualizzare affermazioni politiche di simile tenore e gravità in una cornice adeguata, fornendo al lettore chiavi di interpretazione o altri elementi utili a minimizzare i rischi di manipolazione sociale e di deformazione della realtà percepita dall’opinione pubblica. A maggior ragione se la fonte è un ministro che ha prestato giuramento sulla Costituzione repubblicana e se è circondato dal silenzio istituzionale di fronte a parole che si stanno ora tramutando in fatti.

Un’informazione onesta, approfondita e indipendente dovrebbe passare le esternazioni estemporanee al vaglio dei dati di realtà, delle rilevazioni sul campo e delle statistiche ufficiali fornite. Istituzioni nazionali e internazionali come Unar, Istat, Iom, Unhcr tracciano un quadro dell’immigrazione ben diverso dalla retorica dell’invasione e proprio per questo vengono spesso ignorate o relegate ai margini del discorso prevalente.

Il nostro sistema dell’informazione rischia di rendersi complice del disegno di chi abusa della credulità popolare e cerca di estendere via via l’area dell’assuefazione a uno spietato cinismo verbale ora tradotto in azione istituzionale.

La professione giornalistica è normata dalle leggi dello Stato (dunque in prima istanza dalla Costituzione), richiede una specifica abilitazione con iscrizione all’Albo, è regolamentata da una serie di norme deontologiche (fra le quali la Carta di Roma, riguardante l’informazione sui fenomeni migratori).

L’eventuale dissenso relegato nell’angolo dei commenti non basta.

Contrasta con tali norme, e dunque con il pieno esercizio della libertà di informazione in uno stato di diritto, il ridursi a megafono asettico (e talvolta zelante) di politici senza scrupoli lasciati liberi di imporre l’agenda delle priorità e delle supposte emergenze nazionali, di praticare un linguaggio che semina odio, di disinformare sistematicamente i cittadini, di mistificare la realtà agitando azioni istituzionali per nulla risolutive ma a elevato impatto mediatico, utilizzando delle vite umane per primeggiare nel marketing del consenso.

Ci appelliamo all’Ordine dei giornalisti e ai colleghi affinché i rappresentanti istituzionali e quant’altri contribuiscono a questa spirale di violenza si trovino sistematicamente a confrontarsi con un’informazione critica e non asservita, che non si limiti a registrare e ripetere le frasi del giorno, ma al contrario fornisca gli strumenti e le conoscenze necessarie per analizzarle e confutarle quando necessario.

A nessuno dev’essere permesso di ingannare e tradire l’opinione pubblica e dunque la vita democratica.

Silvia Berruto
Giuseppe Faso
Lorenzo Guadagnucci
Carlo Gubitosa
Beatrice Montini
Zenone Sovilla

Aderisci:
• Come persona
• Come associazione

________________________________________________

Silvia Berruto è membro della rete TRANSCEND per la Pace, Sviluppo e Ambiente, giornalista contro il razzismo, antifascista, amica e persuasa della nonviolenza.

Go to Original – silviaberruto.wordpress.com

 

Share this article:


DISCLAIMER: In accordance with title 17 U.S.C. section 107, this material is distributed without profit to those who have expressed a prior interest in receiving the included information for research and educational purposes. TMS has no affiliation whatsoever with the originator of this article nor is TMS endorsed or sponsored by the originator. “GO TO ORIGINAL” links are provided as a convenience to our readers and allow for verification of authenticity. However, as originating pages are often updated by their originating host sites, the versions posted may not match the versions our readers view when clicking the “GO TO ORIGINAL” links. This site contains copyrighted material the use of which has not always been specifically authorized by the copyright owner. We are making such material available in our efforts to advance understanding of environmental, political, human rights, economic, democracy, scientific, and social justice issues, etc. We believe this constitutes a ‘fair use’ of any such copyrighted material as provided for in section 107 of the US Copyright Law. In accordance with Title 17 U.S.C. Section 107, the material on this site is distributed without profit to those who have expressed a prior interest in receiving the included information for research and educational purposes. For more information go to: http://www.law.cornell.edu/uscode/17/107.shtml. If you wish to use copyrighted material from this site for purposes of your own that go beyond ‘fair use’, you must obtain permission from the copyright owner.


Comments are closed.