(Italiano) Globalizzare Dio: Religione e pace nelle scienze sociali

ORIGINAL LANGUAGES, 25 Mar 2024

Johan Galtung | Centro Studi Sereno Regis –TRANSCEND Media Service

Peace of Westphalia 1648 – Trattato di Westfalia

– Cercherò di collegare i cinque sostantivi del titolo, cominciando dall’ultimo – scienze (sociali) – in due iterazioni, una per la diagnosi e una per la terapia.

Le scienze sociali sono frutto del sistema statuale occidentale del 1648 [Trattato di Westfalia – ndt] e dell’illuminismo laico di un secolo dopo; ambedue in declino con Gaia, disturbati da regioni, nazioni, società civile, localismo, globalismo, umanesimo, religioni, dopo aver reso lo stato-paese come singolo oggetto d’analisi esplorativa della condizione umana, e la razionalità inerente alle menti personali occidentali come strumento. Un’isola nebbiosa del mare del Nord costituì una scienza economica come risparmio, competizione e sfruttamento privatizzati, non fu un’isola del Pacifico baciata dalla natura a intenderla come preservazione e condivisione. la dottrina economica prevalente fu quella dell’isola prevalente. E fu quindi così che la geografia fu marcata-sciupata da confini diritti tracciati da anglici in overdose di geometria euclidea di Eton-Harrow.

In un mondo diviso in tal modo, la pace fu ridotta a interessi di stato in competizione; talora in guerra, talaltra in fragile equilibrio, sempre giudicante il Sé dalle buone intenzioni, e l’Altro dalle deprecabili incapacità. Le scienze sociali vedevano il mondo dall’angolazione degli stati, propagata dai propri fratelli gemelli, i media.

La religione, re-ligare, ri-legare, con quel qualcosa di esterno, tat tvam asi, l’unione promessa, con un dio lassù, o nel nirvana. C’era la lettura garbata che dio sia immanente in tutti noi, e la lettura arcigna di un dio trascendente con un Popolo Eletto e una Terra Promessa, come quella esportata dai puritani dell’East Anglia via Leyden [NL] alla Plymouth Rock [Massachusetts]; o che i wahhabiti espansero un secolo dopo con lo stesso messaggio per l’Arabia. Due estremismi l’uno contro l’altro, uno profanatore dell’Arabia nel 1915-45-91, un altro realizzando l’11 settembre 2001.

Dio era il nome per il sacro, per quell’unione con quel fuori inattingibile, ucciso in Occidente con un secolarismo che offriva individualismo materialista, consumismo, costi-benefici egoistici con anomia e tessuto sociale atomizzato, e un’altra vita limitata a un pensionamento di golf-e-giardinaggio. Dio divenne democrazia-diritti umani individualizzati e mercati globalizzati.

La globalizzazione assunse la forma della dottrina economica da isola nebbiosa: il mondo un’isola sconfinata, aperta perfino all’economia di speculazione finanziaria con derivati tossici (4.2 trilioni di dollari scambiati ogni giorno); con epicentro migrato dalla City di Londra a Wall Street.

Con 125.000 morenti di fame e malattie curabili ogni giorno

Turpe. Proviamo una seconda passata, multi-angolare, lasciando da parte il weberismo avaloriale (Che ne direste di un medico che v’indaga a fondo per ottenere dati ma rifiuta di curarvi perché “a-valoriale”?).

Non sappiamo come sarà una scienza globalizzata del ciclo natura-produzione-consumo, che attinga all’esperienza umana di tutti i tempi e spazi, non sciupata dai falsi dilemmi occidentali vero-falso, aggiungendoci i tetralemmi yin/yang daoisti-buddhisti; ma non sarà solo dottrina economica da isola nebbiosa.

La sociologia dovrà fare i conti con l’umanità come oggetto d’analisi, aggregata al globale, da non confondersi con la sociologia comparativa. Attingerà ad epistemi provenienti da ogni dove, senza monopolio d’Aristotile-Cartesio-Hume-Locke.

Fa capolino un paesaggio intellettuale detto Pace: caotico, con geometria frattale, un Passato traumatico, un Presente conflittuale, un Futuro di progetti. Tre compiti chiave: Conciliazione, Mediazione, Costruzione. Ma le scienze sociali hanno segmentato la conoscenza e frammentato il mondo. Dobbamo essere transnazionali, con una visione cosmologica dall’alto, tracciando mappe di parti e obiettivi, mettendo alla prova questi e i mezzi utilizzati per riconoscerne la legittimità (con i diritti umani fra i criteri).

E abbiamo bisogno di molta creatività per attuare una realtà potenziale, più accomodante/ accogliente; una nuova realtà empirica. Dobbiamo essere più transdisciplinari, attingendo a tutta la saggezza acquisita; e trans-livello, facendo sì che un’intuizione dal livello interpersonale ispiri per esempio quello interstatale e interregionale, e viceversa.

L’indisponibilità a distanziarsi dagli errori passati indica debolezza. Volgiamo l’attenzione alle intrusioni occidentali in terre musulmane e ricordiamoci: chi fa del male ad altri ha memoria corta; la vittima non dimentica mai. Come i casi nel 1915 di Sykes-Picot, nel 1945 di Roosevelt-Ibn Saud, del 199l – usando l’Arabia come base militare. Come il vedere la pirateria al largo delle coste somale ma non la pesca predatoria e la discarica di rifiuti tossici.

Le religioni sono né per né contro la guerra o la pace; lo sono le loro letture: quelle arcigne, esclusive, favoriscono la guerra; quelle garbate sono inclusive, come di uno Spinoza, un Buber, dei quaccheri, dei sufi; e favoriscono la pace. Garbati di tutto il mondo, unitevi, e dialogate con i vostri fratelli e sorelle arcigni! Abbiate fede nel sacro aldilà degli individui, come l’unit(ariet)à degli umani di Gandhi, l’ubuntu zulu, l’unit(ariet)à buddhista della vita. Spiritualità e razionalità hanno bisogno l’una dell’altra.

Una Regola Aurea: quella daoista “soffri le sofferenze altrui, gioisci delle gioie altrui”. Una Regola Argentea, egocentrica: Fa’ agli altri quel che …etc. — tenendo presente l’ammonimento di G.B. Shaw: attenzione! possono avere gusti differenti. Una Regola Bronzea, negativa: Non fare ad…etc.

Dio deve globalizzarsi e anzi avrebbe dovuto farlo prima delle borse valori. Le letture arcigne portano all’intolleranza o alla tolleranza malmustosa. Quanto mai necessari: rispetto e curiosità; dialogo e reciproco apprendimento. C’è tanta saggezza! La si selezioni! Si estrapoli conciliando! Si vada oltre i confini territoriali di stato e culturali di nazione, e di trascendano quelli mentali gelosamente protetti, fra le discipline e le religioni. Je prend mon bien ou je le trouve: prendo il mio bene dove lo trovo; non compartimentalizziamo la brama di percezione interiore e unione.

______________________________________________

Originariamente pubblicato da TMS il 12 aprile 2010 – #107

Johan Galtung, professore di studi sulla pace, Dr. hc mult, è il fondatore della Rete TRANSCEND per la Pace, Sviluppo e Ambiente e rettore della TRANSCEND Peace University-TPU. Prof. Galtung ha pubblicato 1.670 articoli e capitoli di libri, più di 500 editoriali per TRANSCEND Media Service-TMS, e 170 libri su temi della pace e correlate, di cui 41 sono stati tradotti in 35 lingue, per un totale di 135 traduzioni di libri, tra cui 50 Years-100 Peace and Conflict Perspectives, ‘pubblicati dalla TRANSCEND University Press-TUP.

Original in English: Globalizing God: Religion and Peace in the Social SciencesTRANSCEND Media Service

Traduzione di Miki Lanza per il Centro Studi Sereno Regis

Go to Original – serenoregis.org


Tags: , , , , ,

Share this article:


DISCLAIMER: The statements, views and opinions expressed in pieces republished here are solely those of the authors and do not necessarily represent those of TMS. In accordance with title 17 U.S.C. section 107, this material is distributed without profit to those who have expressed a prior interest in receiving the included information for research and educational purposes. TMS has no affiliation whatsoever with the originator of this article nor is TMS endorsed or sponsored by the originator. “GO TO ORIGINAL” links are provided as a convenience to our readers and allow for verification of authenticity. However, as originating pages are often updated by their originating host sites, the versions posted may not match the versions our readers view when clicking the “GO TO ORIGINAL” links. This site contains copyrighted material the use of which has not always been specifically authorized by the copyright owner. We are making such material available in our efforts to advance understanding of environmental, political, human rights, economic, democracy, scientific, and social justice issues, etc. We believe this constitutes a ‘fair use’ of any such copyrighted material as provided for in section 107 of the US Copyright Law. In accordance with Title 17 U.S.C. Section 107, the material on this site is distributed without profit to those who have expressed a prior interest in receiving the included information for research and educational purposes. For more information go to: http://www.law.cornell.edu/uscode/17/107.shtml. If you wish to use copyrighted material from this site for purposes of your own that go beyond ‘fair use’, you must obtain permission from the copyright owner.

There are no comments so far.

Join the discussion!

We welcome debate and dissent, but personal — ad hominem — attacks (on authors, other users or any individual), abuse and defamatory language will not be tolerated. Nor will we tolerate attempts to deliberately disrupt discussions. We aim to maintain an inviting space to focus on intelligent interactions and debates.

56 − 51 =

Note: we try to save your comment in your browser when there are technical problems. Still, for long comments we recommend that you copy them somewhere else as a backup before you submit them.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.