(Italiano) Ricordando Johan Galtung, il “padre” degli studi sulla pace

ORIGINAL LANGUAGES, 4 Mar 2024

Kelly Rae Kraemer | Centro Studi Sereno Regis –TRANSCEND Media Service

Autore, educatore e praticante prolifico, Johan Galtung aveva una genialità unica che continuerà a ispirare un mondo affamato di pace.

Lo scorso fine settimana il nostro mondo ha perso un gigante della ricerca sulla pace. Johan Galtung, “il padre degli studi sulla pace”, autore di oltre 100 libri e 1.000 articoli scientifici sulla pace nel mondo, è morto il 17 febbraio all’età di 93 anni.

Nel corso della sua carriera ultradecennale, Galtung ha insegnato in 30 università di cinque diversi continenti e ha prestato servizio come consulente esperto in più di 150 conflitti attivi in tutto il mondo. La sua scomparsa segna la fine di un’epoca per il campo accademico della ricerca sulla pace e per la pratica del lavoro di costruzione della pace nel nostro mondo.

Nel 1969, insoddisfatto dell’idea popolare di pace come “negativa”, la semplice assenza di guerra, Galtung ridefinì la pace come l’opposto della violenza. Egli caratterizzò quest’ultima come “insulti evitabili alla vita”. L’arte della pace divenne l’abile evitamento di tali insulti. In questo modo, Galtung ha arricchito il nostro vocabolario di pace abbracciando la nozione di “pace positiva”, nota anche come presenza della giustizia.

Questi termini erano già stati usati da attivisti come Jane Addams e Martin Luther King; Galtung ha portato il loro linguaggio nel discorso accademico. Questa innovazione gli ha permesso – in modo controverso – di identificare forze distruttive come la povertà e il razzismo come forme di “violenza strutturale”, lo sfruttamento e la repressione che costituiscono le radici della violenza fisica nel nostro mondo. In questo modo, la ricerca sulla pace si è estesa dallo studio limitato delle alternative alla guerra allo studio della violenza come questione di giustizia sociale, consentendo agli studiosi di studiare le radici profonde del conflitto.

In questo modo Galtung ha portato il nostro campo di studi oltre l’attenzione euro-americana alla pace come sicurezza militare. Egli pensava che la pace dovesse essere studiata come la medicina, cioè diagnosticando un problema, calcolando la prognosi e, se questa è negativa, progettando terapie, o “lavoro di pace”, per produrre risultati più desiderabili. Ha formato studenti e colleghi di tutto il mondo a questo approccio.

Negli anni ’90, quando ero laureato all’Università delle Hawaii, ho studiato con Johan e ho lavorato come suo assistente di ricerca. Oggi posso usare il metodo D-P-T di Galtung per esaminare con occhi nuovi la carneficina in corso in Medio Oriente. Diagnosi: sia il popolo israeliano che quello palestinese temono l’estinzione per mano dell’altro. Se il conflitto segue l’attuale traiettoria militarizzata, è probabile che si inasprisca, a meno che o finché l’uno o l’altro gruppo non venga annientato. Prognosi: genocidio.

La questione per i sostenitori della pace diventa quella di usare la diagnosi per aiutarci a identificare le alternative – la T, o cura – alla violenza attuale. Una possibilità potrebbe essere “Una terra per tutti“, una soluzione proposta che prevede due nazioni indipendenti che condividono una patria, consentendo a israeliani e palestinesi di vivere sia insieme che separati. Il compito del pacificatore è quello di generare tali opzioni per la trasformazione del conflitto.

Galtung era norvegese. È significativo che quando la Norvegia, e anche altri Paesi, si sono trovati in un terribile conflitto, si siano rivolti a lui per avere una guida. Pochi sanno in America che, ad esempio, la Danimarca si rivolse a Galtung per risolvere il conflitto mortale quando un vignettista danese raffigurava il profeta Maometto come un terrorista e le ambasciate danesi nel mondo venivano incendiate.

Egli organizzò una sessione di mediazione e sparì dalla circolazione con tre influenti imam e tre rappresentanti del governo danese. Gli attentati incendiari si diffondono. Tre giorni dopo, lui e gli altri riemersero con un accordo. Tutte le violenze cessarono. Questo è il potere dell’operatore di conflitto avanzato. Galtung ha mostrato la strada, questa volta e altre volte.

Nella mia terra, l’America, quando c’è una minaccia di conflitto, sono i generali a cui i media e i funzionari si rivolgono per avere una guida. Non sorprende quindi che non riusciamo a fare nulla, se non spargere sangue, invece di ottenere giustizia e pace.

Come suo ex studente, mi sono affidato agli scritti di Johan sulla stampa popolare per avere una guida chiara sugli approcci pacifici ai conflitti internazionali più complessi. Non ero d’accordo con lui su tutto, ma mi ha insegnato a pensare alla pace in un mondo in cui la maggior parte delle persone non lo fa.

Non ho mai seguito la sua raccomandazione secondo cui ogni studioso della pace dovrebbe avere due dottorati in materie diverse. Chi può permetterselo al giorno d’oggi, a meno che non si viva in uno di quei Paesi in cui l’istruzione è gratuita?

Per le alternative nonviolente alla guerra e all’ingiustizia, Johan Galtung è sempre stato una delle mie fonti di riferimento. Mi mancheranno la sua voce e la sua genialità unica. E spero che la sua scomparsa porti le sue idee all’attenzione delle persone di tutto il mondo che hano fame di pace.

Ha insegnato a molti di noi, e noi stiamo insegnando ad altri. Quando Gandhi fu assassinato, il luminare britannico Philip Noel-Baker osservò: “I suoi più grandi successi devono ancora venire”. Così è per l’educatore trasformista Johan Galtung, scomparso ma ancora ispiratore.

______________________________________________

Johan Galtung, professore di studi sulla pace, Dr. hc mult, è il fondatore della Rete TRANSCEND per la Pace, Sviluppo e Ambiente e rettore della TRANSCEND Peace University-TPU. Prof. Galtung ha pubblicato 1.670 articoli e capitoli di libri, più di 500 editoriali per TRANSCEND Media Service-TMS, e 170 libri su temi della pace e correlate, di cui 41 sono stati tradotti in 35 lingue, per un totale di 135 traduzioni di libri, tra cui 50 Years-100 Peace and Conflict Perspectives, ‘pubblicati dalla TRANSCEND University Press-TUP.

Questa storia è stata prodotta dq Campaign Nonviolence.

Fonte: Waging Nonviolence, 29 febbraio 2024

Go to Original – serenoregis.org


Tags: , ,

Share this article:


DISCLAIMER: The statements, views and opinions expressed in pieces republished here are solely those of the authors and do not necessarily represent those of TMS. In accordance with title 17 U.S.C. section 107, this material is distributed without profit to those who have expressed a prior interest in receiving the included information for research and educational purposes. TMS has no affiliation whatsoever with the originator of this article nor is TMS endorsed or sponsored by the originator. “GO TO ORIGINAL” links are provided as a convenience to our readers and allow for verification of authenticity. However, as originating pages are often updated by their originating host sites, the versions posted may not match the versions our readers view when clicking the “GO TO ORIGINAL” links. This site contains copyrighted material the use of which has not always been specifically authorized by the copyright owner. We are making such material available in our efforts to advance understanding of environmental, political, human rights, economic, democracy, scientific, and social justice issues, etc. We believe this constitutes a ‘fair use’ of any such copyrighted material as provided for in section 107 of the US Copyright Law. In accordance with Title 17 U.S.C. Section 107, the material on this site is distributed without profit to those who have expressed a prior interest in receiving the included information for research and educational purposes. For more information go to: http://www.law.cornell.edu/uscode/17/107.shtml. If you wish to use copyrighted material from this site for purposes of your own that go beyond ‘fair use’, you must obtain permission from the copyright owner.

There are no comments so far.

Join the discussion!

We welcome debate and dissent, but personal — ad hominem — attacks (on authors, other users or any individual), abuse and defamatory language will not be tolerated. Nor will we tolerate attempts to deliberately disrupt discussions. We aim to maintain an inviting space to focus on intelligent interactions and debates.

85 − 77 =

Note: we try to save your comment in your browser when there are technical problems. Still, for long comments we recommend that you copy them somewhere else as a backup before you submit them.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.