(Italiano) Ritorno di Gaza

ORIGINAL LANGUAGES, 1 Apr 2024

Johan Galtung | Centro Studi Sereno Regis –TRANSCEND Media Service

Gaza 2009 – Centro Studi Sereno Regis

[Dal capo-redattore TMS: Johan Galtung scrisse Ritorno di Gaza, editoriale embrionale, nel 2009; viene ripubblicato ora per offrire un contesto a Gaza 2024. Che cos’è cambiato? Che cosa resta lo stesso? Che cosa è passato? E se…?]

12 gennaio 2009 – Oltre l’immane tragedia umana in svolgimento nell’atrocità di Gaza, prende forma una domanda: i dirigenti israeliani, politici e militari, hanno perso del tutto il lume della ragione? Un maglio per un mal di denti, quelle punture d’ago di razzi lanciati per rabbia, 8 uccisi – e allora ne uccidono 800? Dov’è la sofisticazione dell’attacco all’Egitto, studiata per coincidere con l’ingolfamento dei suoi dirigenti militari negl’ingorghi mattutini del Cairo? O il bombardamento di Beirut nel 1982, da aerei posizionati fra il sole e l’artiglieria antiaerea?

Gli israeliani vogliono eliminare i missili? Comprensibile, e fattibile: con negoziati seri con l’OLP e Hamas con tutte le carte sul tavolo, anche una Comunità del Medio Oriente, guidata dalla saggezza di E.Olmert nel governo Olmert [2006-2009, con 1° ministro musulmano -R.Majadele, precedente il 1° governo Netanyahu – ndt/Wikipedia] (Editoriale del 5 gen. 2009). Ma purtroppo aldilà delle capacità di comprensione degli stati ipermilitarizzati in reciproco sostegno, insensibili a sofferenze che non siano le proprie, sui pendii scivolosi di imperi regionali e addirittura mondiali decadenti.

Se fossero stati seri nel voler liberarsi dei razzi [palestinesi], potevano esserci buone ragioni d’accettare la teoria del contrabbando nei tunnel sotto il confine Egitto-Gaza. Diversamente dal Libano montuoso, Gaza non può quasi svilupparne una propria capacità produttiva. E allora perché non un attacco breve e decisivo di teste di cuoio, devastante sì per i tunnel ma per poche persone. Israele ne conosce l’ubicazione.  Ma l’attacco offenderebbe la sovranità egiziana? Quella non è mai stata una gran preoccupazione israeliana, come quando Tunisi fu invasa a suo tempo per un attacco breve e decisivo ai dirigenti OLP. Magari con la minaccia di por fine alla mangeria annuale del Cairo per [gli accordi di] Camp David se protestano o non partecipano? Nulla del genere, nessun dubbio sul tavolo dei decisori, è stata la strategia scelta.

Come riferito ad AlJazeera dal bravo medico norvegese Mads Gilbert, non solo Israele uccide a man salva, ma usa munizioni che causano brutte ferite. “Non miriamo ai civili” dice l’IDF. Prego, con 1,5 milioni di persone ammassate in uno spazio minuscolo sotto assedio e nessuno scampo, quasi ogni bomba/proiettile d’artiglieria colpisce non-militanti. Quasi metà degli uccisi sono donne e bambini, e i bambini un terzo del totale. “Non intenzionale”, “non bersaglio”, non regge, non vale.

Gaza: bombarda, martella con l’artiglieria, bombarda = uccidi, ammazza, uccidi.

E non certo ovunque efficace come sarebbe stata quell’operazione di truppe scelte, che avrebbe annullato le scorte: sicché continuano tuttora i lanci di missili piuttosto innocui. E la Fase 3 dell’ operazione, cioè penetrare nelle cucine e simili da dove proverrebbero, vuol dire stanza per stanza, corpo-a-corpo della specie più brutale, modello Fallujah, magari con [l’uso di] fosforo bianco: altre atrocità, altra strage. E Israeli uccisi, presi prigionieri e sbattuti via, si spera non trattati orrendamente come loro trattano la gente di Gaza.

Conclusione 1: come operazione Intesa a proteggere Israele dai razzi, la strategia scelta è sfacciatamente irrazionale.

Conclusione 2: aldilà della irrazionalità-stupidità: è tutto intenzionale, compresa l’uccisione di donne e bambini. In che modo?  Liberarsi di Hamas implica anche chi li ha eletti, chi ne genera i figli, o chi voterà per loro una volta cresciuto. In altre parole: genocidio; il genus sono il milione e mezzo di gazawi. Si oltrepassa il limite fra guerra e genocidio quando fra e vittime ci sono donne e bambini, inevitabili data la strategia come in Iraq scelta.

E/o: punizione collettiva con rappresaglie di 100 a 1 utilizzate dai nazisti tedeschi durante la seconda guerra mondiale, anche con pena capitale, per aver sfidato Israele, quindi anche a mo’ di messa in guardia verso altri in altri paesi (Libano, Siria,…): siamo capaci di spietatezza illimitata!

E/o: la strategia dei terroristi di stato, come USA/UK e Israele, e terroristi [comuni] come Al Qaeda e Hamas, suppone che i colpiti, nella Germania nazista, a Gaza, in USA o Israele insorgano contro le politiche dei propri capi, considerandoli la causa delle proprie sofferenze. Sbagliato. Insorgono contro i terroristi come la causa. Israele rafforza Hamas come Hamas unific Israele; non per sempre ma almeno finché dura il macello.

Gaza: bombarda, martella con l’artiglieria, bombarda = uccidi, ammazza, uccidi.

La conclusione 1 era che i mezzi scelti erano inadeguati all’obiettivo. La conclusione 2 è che l’obiettivo è quanto mai inadeguato. Si consideri quanto segue. Ci sono due tendenze in atto:

Prima, Israele s’avvicina all’obiettivo dichiarato: fine dei lanci di razzi e di Hamas, preferibilmente sotto monitoraggio internazionale.

Seconda, la reazione al mezzo genocida impiegato, che esplode in manifestazioni in tutto il mondo e in seria considerazione di boicottaggio e rottura dei rapporti diplomatici. Come gli USA in Iraq, Israele può anche aver sperato che la gente insorgesse contro Hamas, e in una rapida vittoria. Ma tale vittoria li elude e le proteste aumentano, come pure le risoluzioni del Consiglio di Sicurezza ONU.

Conclusione 3: Israele perde questa guerra, come quella del Libano nel 2006. E più ancora: nessuno a Gaza accetterà il monitoraggio internazionale; Hezbollah ha condiviso il potere, Hamas no.

E noi che crediamo nel diritto all’esistenza di un Israele pre-1967, non il risultato attuale, siamo di fronte a un dilemma. Speriamo che il giudaismo morbido di Spinoza e Buber prevalga, un giudaismo di dialogo talmudico, non uno arcigno torah-sionista alla Jabotinsky. Liberatevi dal sionismo – la disgrazia – per salvare il giudaismo.

Israele, bada: nel dicembre 1987 ti sei trovato di fronte a un’intifadah sassaiola. Nel dicembre 2008 invece missili da sud e da nord. E poi che altro? La fossa che stai scavando per te stesso.

Ritorno di Gaza

Foto koldo | GAZA, Bombardamenti israeliani del 2009 (CC BY-NC-ND 2.0)

______________________________________________

Johan Galtung, professore di studi sulla pace, Dr. hc mult, è il fondatore della Rete TRANSCEND per la Pace, Sviluppo e Ambiente e rettore della TRANSCEND Peace University-TPU. Prof. Galtung ha pubblicato 1.670 articoli e capitoli di libri, più di 500 editoriali per TRANSCEND Media Service-TMS, e 170 libri su temi della pace e correlate, di cui 41 sono stati tradotti in 35 lingue, per un totale di 135 traduzioni di libri, tra cui 50 Years-100 Peace and Conflict Perspectives, ‘pubblicati dalla TRANSCEND University Press-TUP.

Original in English: Gaza Redux – TRANSCEND Media Service

Go to Original – serenoregis.org


Tags: , , , , , , , , , , , , , , , ,

 

Share this article:


DISCLAIMER: The statements, views and opinions expressed in pieces republished here are solely those of the authors and do not necessarily represent those of TMS. In accordance with title 17 U.S.C. section 107, this material is distributed without profit to those who have expressed a prior interest in receiving the included information for research and educational purposes. TMS has no affiliation whatsoever with the originator of this article nor is TMS endorsed or sponsored by the originator. “GO TO ORIGINAL” links are provided as a convenience to our readers and allow for verification of authenticity. However, as originating pages are often updated by their originating host sites, the versions posted may not match the versions our readers view when clicking the “GO TO ORIGINAL” links. This site contains copyrighted material the use of which has not always been specifically authorized by the copyright owner. We are making such material available in our efforts to advance understanding of environmental, political, human rights, economic, democracy, scientific, and social justice issues, etc. We believe this constitutes a ‘fair use’ of any such copyrighted material as provided for in section 107 of the US Copyright Law. In accordance with Title 17 U.S.C. Section 107, the material on this site is distributed without profit to those who have expressed a prior interest in receiving the included information for research and educational purposes. For more information go to: http://www.law.cornell.edu/uscode/17/107.shtml. If you wish to use copyrighted material from this site for purposes of your own that go beyond ‘fair use’, you must obtain permission from the copyright owner.


There are no comments so far.

Join the discussion!

We welcome debate and dissent, but personal — ad hominem — attacks (on authors, other users or any individual), abuse and defamatory language will not be tolerated. Nor will we tolerate attempts to deliberately disrupt discussions. We aim to maintain an inviting space to focus on intelligent interactions and debates.

72 − = 71

Note: we try to save your comment in your browser when there are technical problems. Still, for long comments we recommend that you copy them somewhere else as a backup before you submit them.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.